Festa dell’agricoltura di Mirano, un percorso vivo tra innovazione e tradizione

La Festa dell’agricoltura di Mirano compie 26 anni e cambia formula. 3 fine settimana tra fine agosto e primi di settembre per vivere l’agricoltura tra passione, tradizione e innovazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo:

"“26 anni di tradizione, innovazione e gioia per far crescere la comunità” è questa la frase che meglio racconta la tradizionale Festa dell’Agricoltura di Mirano. La manifestazione, una delle più seguite e importanti per il settore di tutta la regione, giunge quest’anno alla ventiseiesima edizione con cambio di formula. Si svolgerà nei tre fine settimana a cavallo tra la fine di agosto e i primi di settembre: 1. dal 23 al 25 agosto 2. dal 29 agosto al 1° settembre 3. dal 5 all’8 settembre sempre nell’area degli impianti sportivi di Mirano, in via Cavin di Sala. Ad organizzarla come da tradizione il Gruppo imprenditori del Miranese “La campagna ti è Amica”, con la preziosa collaborazione di Coldiretti Venezia, Centro Marca Banca, Consorzio di Bonifica Acque Risorgive, e con il patrocinio del Comune di Mirano, la Città Metropolitana di Venezia e la Regione Veneto. Una 26a edizione che si presenta arricchita nei contenuti e capace di raccontare l’agricoltura attraverso storie vissute fatte di tradizione e innovazione. La Festa nasce con l’obiettivo di far incontrare i cittadini con le tradizioni agricole, la realtà del mondo contadino, la genuinità dei prodotti della terra, in un’ottica di sostenibilità economica, del territorio ed ambientale, tematica questa che trova un consenso sempre più ampio all’interno dell’opinione pubblica. Novità in vista per le ragazze dai 15 ai 99 anni, venerdì 30 agosto verrà eletta Miss Festa dell’Agricoltura che dovrà indossare le “sgalmare” ai piedi anziché i tacchi a spillo, mentre sabato 7 settembre le fanciulle sfileranno in abiti da sposa d’epoca e recenti. Inoltre, come di consueto, ci saranno le attività per i più piccoli con un calendario di attività ricco e variegato per far conoscere attraverso i laboratori “del fare” i prodotti del territorio e la cultura contadina. E non mancheranno i mercatini agricoli, le calvate nel ranch, gli spettacoli di cabaret, la serata di musica country e un’area dedicata allo shopping. Menzione particolare per le degustazioni agli stand gastronomici aperti tutte le sere e le domeniche a pranzo dove assaggiare i piatti tradizionali cucinati con i prodotti del territorio. Alcune novità di quest’edizione 2018: ogni domenica è dedicata ad una Festa. Domenica 25 agosto la grande festa degli animali dell’agricoltura e dell’azienda agricola con un’attenzione particolare dedicata ai piccoli animali da stalla e da cortile. Domenica 1° settembre la giornata del latte e dei suoi prodotti con bancarelle per la degustazione e la vendita di prodotti caseari. Domenica 8 settembre la grande sfilata dei trattori. Un serpentone di mezzi che si faranno largo tra le strade di Mirano a testimoniare l’importanza del lavoro in agricoltura. “Siamo convinti”, sostiene Mario Sarto Presidente del Gruppo Imprenditori del Miranese organizzatore dell’evento, “che la formula della festa sia vincente per far conoscere il mondo dell’agricoltura, i suoi valori e le sue potenzialità come settore di sviluppo per l’economia dell’interno paese. Un grazie per questo successo va a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questa manifestazione.” Con oltre 250 volontari coinvolti e un pubblico che supera le 220.000 presenze la Festa dell’agricoltura è una “classica di fine estate” per Mirano e la provincia di Venezia segno che tradizione e innovazione si incontrano in una formula sempre vincente. Sito internet per informazioni e aggiornamenti sul programma: http://www.festagricolturamirano.it/ e profilo Facebook: festadellagricolturadimirano per essere sempre in contatto. La festa dell’Agricoltura raccontata dai numeri: • 3 lunghi week end ricchi di attività legate all’agricoltura e alle sue tradizioni • oltre 220.000 visitatori dal Veneto e non solo • oltre 250 volontari coinvolti • 300 trattori in sfilata".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento