Boom di accessi nei pronto soccorso del litorale, un giovane al giorno per l'alcol

Gli interventi più comuni sono legati alla piccola traumatologia. La maggior parte in codice bianco

L'ospedale di Jesolo

Sono giorni di grande lavoro nei pronto soccorso dell’Ulss4 “Veneto orientale” ed è boom di accessi: una media 490 persone curate ogni giorno. Il record del 2019 lo ha raggiunto in questi giorni il pronto soccorso di San Donà di Piave con un picco di 147 e una media di 133 accessi giornalieri, seguito dal pronto soccorso di Portogruaro con 109 accessi giornalieri e Jesolo con 102. Il maggior numero di assistiti sono turisti o utenti extra-regionali. La gravità delle patologie per le quali gli utenti ricorrono alle cure mediche è nella stragrande maggioranza di lieve entità, infatti nel complesso il 73% degli accessi avviene in codice bianco, il 18% in codice giallo, il 7,5% in codice verde e l’1,5% in codice rosso. “Gli interventi più comuni sono legati alla piccola traumatologia (contusioni e ferite) anche in relazione alle attività ricreative tipiche dell'estate- spiega il direttore del pronto soccorso di San Donà di Piave e Jesolo, dottor Mattia Quarta - a queste di aggiungono una marea di patologie mediche minori come dermatiti, diarrea, infiammazioni alle alte vie respiratorie”.

Gli anziani e i giovani

Da qualche anno i medici in servizio sul litorale rilevano inoltre una tendenza destinata ad aumentare nel tempo: oltre al fisiologico aumento dei giovani bisognosi di cure nel periodo estivo, nei pronto soccorso è in costante aumento il numero dei turisti anziani, ciò fa pensare che l’età media della popolazione turistica è in costante aumento. “Tantissimi anziani – continua il dottor Quarta – si rivolgono a noi per patologie acute ma anche per problemi cronici, come stanchezza, difficoltà ad alimentarsi”. A questi si affianca un discreto numero di accessi per problemi psichiatrici, in genere anziani, a cui spesso si associanodisagi in relazione alla partenza per le ferie. Al pronto soccorso di Jesolo ogni giorno viene curato un ragazzo in stato di ubriachezza. “Un lavoro straordinario quello che sta facendo tutto il personale dell’urgenza-emergenza del litorale- aggiunge il direttore generale Carlo Bramezza – . A tutti va il ringraziamento per lo sforzo che stanno facendo nei giorni clou dell’estate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento