Innovazione e sviluppo del territorio: gli innovatori dell’ANGI si presentano nella Regione Veneto

Grande successo per la presentazione dell’ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori presso la prestigiosa sede dell’ANCE a Venezia a Palazzo Sandi, alla presenza delle istituzioni e di alcune delle eccellenze del mondo imprenditoriale della Regione Veneto.

Innovazione, sinergia, open innovation, cultura, formazione e sviluppo business. Parte dai queste parole chiave il successo della manifestazione promossa dall’ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori presso la sede ANCE di Venezia a Palazzo Sandi.

Da sempre la Regione Veneto rappresenta un ecosistema di eccellenza in Italia e nel mondo, per la sua grande cultura e storia, oltre alle numerose eccellenze nel campo manageriale e imprenditoriale. Da queste importanti basi parte il progetto territoriale degli innovatori dell’ANGI che vedono la territoriale veneto come un punto di riferimento per i loro progetti futuri, al fianco delle istituzioni e delle eccellenze della regione.

Ad iniziare i lavori è il saluto del presidente dell’ANCE, Geom. Ugo Cavallin, che ha ospitato la manifestazione nella prestigiosa sala affrescata dal famoso artista Giovan Battista Tiepolo:” Abbiamo accolto con piacere la richiesta dell’ANGI per questa importante manifestazione, sia in virtù della grande amicizia con il responsabile del Veneto dell’ANGI, dott. Mattia Carlin, sia per l’importanza che l’innovazione ha anche per il settore delle costruzioni. L’edilizia infatti, generalmente percepita come legata a sistemi e metodologie tradizionali, è invece particolarmente sensibile agli aspetti innovativi che sempre più ne stanno trasformando la natura.

A seguire è intervenuto il dott. Cristiano Corazzari, Assessore al territorio, cultura e sicurezza della Regione Veneto, il quale ha ribadito come l’innovazione sia un tema di assoluta attualità per il Veneto nei settori sensibili come la riqualificazione edilizia urbana o il riutilizzo dei materiali di costruzione. Di particolare attenzione è poi il tema della fuga che coinvolge i giovani a lasciare l’Italia per trovare opportunità all’estero e di come sia importante rilanciare l’attrattività dell’area del nord ovest italiano con importanti programmi di sviluppo di cui la Regione Veneto si è fatta promotrice con grande forza e concretezza.

Il presidente dell’ANGI, Gabriele Ferrieri, ha sottolineato come l’Associazione intenda promuovere un importante dialogo con le istituzioni, le università, le imprese e i giovani per portare avanti un progetto che possa permettere di costruire importanti relazioni e sinergie al fine di dare un importante valore aggiunto allo sviluppo e alla crescita del nostro ecosistema Paese, puntando proprio su territoriali di eccellenza quali la regione veneto, specificando per ultimo come i giovani siano la sfida principale di ANGI.

A seguire il dott. Mattia Carlin, il quale ha espresso il suo grande piacere e onore di essere diventato membro del Comitato Scientifico di ANGI nonché rappresentante per la Regione Veneto: “L’Innovatore è il più grande conservatore. È nella natura dell’uomo, fin dall’antichità, essere innovatore. In Veneto c’è molto da fare, mi metto a disposizione con passione, grinta e darò ampio spazio a tutto il territorio Veneto.”.

Dopo la presentazione dell’Associazione e l’analisi dei dati statisti presentati per illustrare i numeri dell’ecosistema veneto, sono intervenuti:

Antonello dè Medici, Vice Presidente Federturismo Confindustria, il quale ha sottolineato le importanti opportunità di sinergia da Federturismo ed ANGI nel campo dell’innovazione e di come la territoriale del Veneto rappresenti un ecosistema di eccellenza in cui lanciare buone pratiche di sviluppo del territorio proprio grazie all’applicazione delle nuove tecnologie.

Il dott. Adriano Bianco CEO Master Srl, il quale ha dichiarato che: “Dietro la storia di un prodotto c’è un vissuto. L’innovazione è nello spirito degli italiani, sarebbe bello che i ragazzi giovani che lasciano l’Italia poi tornassero portando la loro esperienza. I confini di un Paese è il Mondo e oggi i ragazzi lo stanno dimostrando. La nostra azienda è innovativa perché rispettiamo la realtà di vita ed esportiamo il nostro prodotto in buona parte del Mondo, l’originalità ci contraddistingue”.

Il dott. Andre Bonomi Export area manager Metalgalante ha ricordato come la sua azienda crei un prodotto tipicamente italiano (nato nel dopoguerra): “Siamo un’azienda internazionale che vende un prodotto di nicchia in circa 160 Paesi del mondo, per noi l’innovazione è importantissima e troviamo l’associazione ANGI estremamente interessate e di aiuto. Se fosse possibile vorremmo che ci si focalizzasse soprattutto sulla conoscenza/pubblicità all’estero in modo che più persone possibili possano capire chi sono le aziende e cosa producono”. Concetto espresso anche dal Presidente Ferrieri sottolineando l’importanza di trasmettere l’innovazione.

Il dott. Antonio Vespigniani di ANCE: “Chi investe e ci crede va avanti, la nostra mission è di incentivare e innovare chi si appoggia a noi, in questo ci sentiamo molto vicini alla missione di ANGI”.

Il famoso artista e scultore Giorgio Bortoli dice: “Per chi opera nell’arte, l’innovazione è di casa. Faccio i miei più sinceri complimenti all’ANGI per il grande lavoro di squadra. Grazie alle aziende venete e all’innovazione si può fare molto anche nel mondo dell’arte.

Infine, il dott Antonio Piccolo, Managing Director di Burchiello srl e Presidente del Consorzio regionale Città d’arte del Veneto ha commentato: “Turismo e servizi sono investiti in pieno dall’innovazione, oggi è cambiata la comunicazione: non vendi il prodotto, vendi la storia del prodotto e gli utenti richiedono un servizio sempre più personalizzato, cosa possibile grazie alla tecnologia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale drammatico a Noventa di Piave: morti tre ragazzi

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Scontro a Stigliano di Santa Maria di Sala, morta una ragazza

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

  • Infermiere preso a calci e pugni da un paziente: si dovrà operare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento