A 100 anni torna a leggere e giocare a carte grazie a un'operazione agli occhi

Ad eseguire l’intervento è stata l’équipe di Oculistica dell’Ospedale di Dolo della Ulss 3, diretta dal primario Romeo Altafini

Nonna Emma di Mira è tornata a leggere il giornale, guardare la televisione e, soprattutto, a giocare a carte coi suoi adorati nipotini. E ci è riuscita perché, di recente, è tornata a vedere bene, alla veneranda età di 100 anni, grazie ad un intervento di cataratta su entrambi gli occhi.

L'intervento

Ad eseguire l’intervento è stata l’équipe di Oculistica dell’Ospedale di Dolo della Ulss 3, diretta dal primario Romeo Altafini. «La signora Emma – ha raccontato il primario – ha effettuato da noi una visita specialistica di oculistica che, in quella occasione, ha diagnosticato un importante problema alla vista che non le consentiva più di muoversi in autonomia e di poter svolgere le sue, pur semplici, attività quotidiane, come quella di guardare i suoi programmi preferiti alla televisione. Una signora che, pur essendo davvero anziana, è davvero in buone condizioni di salute: mi ha raccontato che in ospedale c’è venuta una sola volta, all’età di 50 anni, per un piccolo intervento e che per fortuna è sempre stata bene».

La cataratta

La cataratta consiste nell’opacizzazione del cristallino, che è una sorta di lente posta all’interno dell’occhio e ci permette di mettere a fuoco gli oggetti alle varie distanze. L’intervento è consistito nella rimozione del cristallino opaco e nell’impianto di una lente intraoculare (IOL). E’ stato eseguito in anestesia topica con gocce di collirio anestetico. L'intervento ed il decorso postoperatorio sono stati regolari e la signora è stata dimessa, come da protocollo, dopo 120 minuti dall'intervento. «La collaborazione è stata ottima – ha continuato il dottor Altafini - e la paziente ha sopportato bene l'intervento con l'uso di anestetici locali somministrati in collirio che ben si adattano a pazienti anziani o con più patologie. Inoltre il recupero funzionale è molto buono tanto che dopo un paio di giorni dall’intervento la signora ha ripreso le sue normali attività». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La testimonianza

“Testimonianze come questa – ha detto il direttore della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – ci riempiono di soddisfazione per il lavoro svolto dai nostri operatori sanitari, ma ci riempiono anche di gioia per quella signora e per i suoi famigliari. È indubbiamente bello venire a conoscenza di questa storia che mostra come si possa e si riesca, anche in casi particolari come quello descritto della signora Emma per la sua anagrafica, a migliorare le funzionalità di un cittadino migliorando così la sua vita quotidiana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento