"Arte a Parte" nel giorno contro la violenza sulle donne esaltata la creatività al femminile

Gli incontri organizzati dalla contrada Musile Centro in collaborazione con il Comune: storie di artiste che con grande capacità e coraggio hanno saputo vincere i pregiudizi verso il loro sesso

Foto: prima serata di "Arte a Parte" a Musile

Arte ma non solo, e comunque non principalmente. È la figura femminile il tema su cui poggiano gli incontri organizzati dalla contrada Musile Centro, in collaborazione con il Comune di Musile di Piave, presentati il 25 novembre scorso, durante la giornata contro la violenza sulle donne. La rassegna, intitolata "Arte a Parte", si svolge al centro culturale Bressanin-Sicher.

Le donne

L'evento di esordio, dal titolo "Cinque secoli di pittura al femminile", ha ospitato la presenza del curatore Flavio Sforzin, che ha ripercorso un lungo periodo illustrando brevemente tutte quelle artiste che con grande capacità e coraggio hanno saputo vincere i pregiudizi verso il loro sesso, mettendo a frutto il proprio talento e diventando protagoniste di successo nello scenario artistico del proprio periodo. Fra queste Artemisia Gentileschi, Marietta Robusti, Sofonisba Anguissola, Rosalba Carriera, Susanne Valadon, Berthe Morisot, Emma Ciardi, Tamara de Lempicka, Frida Kahlo, Novella Parigini, Giosetta Fioroni, Carla Accardi e molte altre.

Le istituzioni

«Il ciclo di conferenze - spiega la coordinatrice dell'associazione Contrada Musile Centro - si pone l’obiettivo di illustrare il cambiamento della donna nell’arte, con il passaggio dal ruolo passivo di ispiratrice ed oggetto di rappresentazione da parte dei pittori uomini, a quello attivo di artista in grado di esprimere con originalità una diversa immagine del mondo, filtrata dalla sensibilità femminile». Alla serata inaugurale c'erano anche il sindaco di Musile di Piave, Silvia Susanna, e l'assessore alle politiche sociali, Francesca Simiele. Assieme a loro la dottoressa Roberta Toffoli, in rappresentanza del Centro Antiviolenza “La Magnolia”, la coordinatrice del Movimento “Se Non Ora Quando” di San Donà di Piave, dottoresssa Anna Maria Bardellotto, e l’imprenditrice Ketty Amadio.

'Ruoli secondari'

«Arte a Parte ha una valenza importante - ha spiegato il sindaco Silvia Susanna - perchè oltre ad approfondire tematiche culturali pone l'accento sul tema della donna, che anche in questo contesto, come purtroppo in altri, ha dovuto condurre tante battaglie, vedendosi attribuire ruoli di negazione o di secondo piano, che non le rendono giustizia. Questo appuntamento - conclude il sindaco - ha dato un tocco importante a tutti quelli rientranti nella giornata del 25 novembre, che deve essere una ricorrenza che vale 365 giorni all'anno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale drammatico a Noventa di Piave: morti tre ragazzi

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Scontro a Stigliano di Santa Maria di Sala, morta una ragazza

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

  • Infermiere preso a calci e pugni da un paziente: si dovrà operare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento