Acquista il camper, ma il mezzo non esiste: truffatore falsifica assegno e incassa 33mila euro

Grazie all'intervento dell'Adico, un impiegato ha recuperato la cifra. Ignoto il truffatore

Tutto bene quel che finisce bene. Soprattutto quando le speranze sono ridotte al lumicino e in ballo c'è un importo da recuperare superiore ai 30mila euro (33 mila, per la precisione). R.B, impiegato mestrino, può tirare un grande sospiro di sollievo. La truffa di cui suo malgrado era stato vittima nel 2016 e che aveva quasi prosciugato il suo conto in banca è stata per così dire sanata. Grazie al lavoro dell'ufficio legale dell'Adico, infatti, l'uomo ha potuto recuperare quanto sottrattogli furbescamente da un anonimo malvivente che resta ancora ignoto.

I fatti

La vicenda è cominciata nell'autunno di due anni fa quando l'impiegato mestrino ha deciso di acquistare tramite un noto sito web un camper messo in vendita a 33mila euro. R.B. ha contattato il sedicente venditore il quale gli ha spiegato che il mezzo si trovava ad Arezzo e che era comunque disposto a portarlo a Mestre. Prima, però, ha chiesto la copia di un assegno circolare per dimostrargli di avere le disponibilità economiche richieste, avendo avuto brutte esperienze con altri papabili compratori. L’impiegato mestrino, dunque, si è rivolto al suo istituto di credito, si è fatto emettere l’assegno circolare e ha inviato la fotocopia. Nei giorni successivi, però, il sedicente proprietario del camper ha rinviato l’appuntamento per poi sparire improvvisamente.

Soldi recuperati

R.B. dunque, è tornato nella sua banca e ha riversato l’assegno nel proprio conto, dopo aver presentato denuncia ai carabinieri per possibile truffa. Il 5 ottobre, invece, ecco la pessima notizia:  R.B. ha provato a prelevare tutte le sue disponibilità, compresi i 33mila euro, ma non ci è riuscito. Il giorno dopo l'istituto bancario ha confermato che l’assegno circolare da 33mila euro era stato incassato da un'altra banca. A questo punto l’uomo si è rivolto all'Adico e una settimana fa ha incassato i soldi che gli erano stati "rubati" dal truffatore. «Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto - commenta Carlo Garofolini, presidente dell'Adico -. Fra l'altro è la seconda volta che ci capita un caso del genere e anche precedentemente siamo riusciti a far recuperare i soldi, in questo caso 28mila euro, al nostro socio. Il nostro ufficio legale ha evidenziato le indiscutibili mancanze dell'istituto di credito e la leggerezza con la quale ha agito in questa occasione. Ora tutto si è risolto al meglio e siamo molto contenti del lavoro svolto e del risultato ottenuto».

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • I consigli per una lavastoviglie pulita e senza cattivi odori

  • Puntura di medusa: cosa fare? Verità e falsi miti

  • Rifiuti ingombranti a Venezia: una guida su come eliminarli

I più letti della settimana

  • Schianto frontale tra un'auto e un autobus: due morti e feriti gravi sulla Triestina

  • Auto fuori strada finisce nel canale, perde la vita un 23enne

  • Fuori strada in moto, morto un ragazzo

  • Trovato morto nella sua auto a 24 anni: sospetta overdose

  • Si sente male e muore in spiaggia a Jesolo

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

Torna su
VeneziaToday è in caricamento