El bacaro de Fabio a Madrid: spritz e cicheti di un margherino alla conquista della Spagna

Fabio Gasparini, margherino doc, fino a 30 anni ha vissuto nella città giardino. Nella penisola iberica da 12 anni, ha dato vita da 2 mesi ad un angolo d'Italia e Venezia nella capitale

Ha aperto lunedì 2 settembre, e in soli due mesi ha saputo far apprezzare agli spagnoli le specialità tipiche italiane e i "pezzi forti" veneziani: spritz e cicchetti. Lui è Fabio Gasparini, margherino doc, primo ad esportare nella capitale spagnola i concetti dell'osteria veneziana. Ma non solo: nella sua taverna, infatti, si possono gustare i tipici piatti italiani, senza contaminazioni. Insomma, un vero angolo di Venezia, e d'Italia, nel fulcro della penisola iberica.

El Bacaro

Il locale si trova in calle de Hartzenbusch, nel pieno centro del quartiere Chamberí, a pochi passi dal fulcro della capitale, in un'area ancora residenziale vissuta soprattutto dagli spagnoli. Un locale piccolo, con barra e 8 sgabelli dove poter sorseggiare l'aperitivo e gustare sarde in saor, tramezzini e cicchetti vari, più 25 posti a sedere per consumare un pranzo o una cena tricolore. Gli orari di apertura però, sono quelli tipici spagnoli, e non potrebbe essere diversamente, trattandosi di un locale frequentato principalmente da autoctoni. Oltre a qualche italiano, compresi margherini in spedizione che già hanno potuto apprezzare questo angolo di vera Italia all'estero.

Da Marghera alla Spagna

Il titolare, Fabio, ha vissuto fino a 30 anni a Marghera, si è trasferito poi a Trieste e quindi in Spagna, 12 anni fa. Nell'ultimo decennio è stato impegnato come chef a domicilio, si è occupato di catering ad eventi importanti e ha partecipato a fiere enogastronomiche, mantenendo sempre saldo il proprio rapporto con i produttori italiani. Infine, il grande salto. Si è messo in società con un madrileno e ha dato vita a El Bacaro. «Il riscontro è stato ottimo fin dall'inizio, - ci ha raccontato Gasparini - abbiamo talmente tante prenotazioni che non abbiamo ancora avuto il tempo materiale per fare l'inaugurazione ufficiale». Se si vuole provare la cucina del bacaro nel fine settimana, è indispensabile prenotare, «perché già il mercoledì abbiamo esaurito tutti i posti disponibili, in tutte le fasce orarie».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cucina italiana e spritz

Aperto a pranzo dalle 12 alle 17 e a cena dalle 20,  El Bacaro propone anche i grandi classici della cucina italiana. Scorrendo la carta, si va dagli antipasti (con sarde in saor, affettati e formaggi italiani) alla pinsa romana, dalla carbonara alle tagliatelle ai gamberi. E per finire il tiramisù in tazza. La selezioni di vini è tutta italiana, con un occhio di riguardo alle etichette venete. Prima di pranzo e cena, però, c'è lo spritz all'Aperol, «perché agli spagnoli il Campari e il Select non piacciono».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento