Bambini vaccinati, l'Ulss 3 a quota 95%: record di poche altre aziende italiane

Al risultato ha contribuito anche il dibattito sulle vaccinazioni innescato dall’obbligo scolastico

Record di bambini vaccinati all’Ulss 3 Serenissima che ha superato la soglia del 95%, centrando così un obiettivo indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, fin qui solo sfiorato dall'azienda veneziana e raggiunto da poche aziende sanitarie in Italia.

Obiettivo

Anche a seguito del dibattito per la nuova regolamentazione dell’obbligo scolastico, un progresso dell’attenzione di famiglie e genitori verso la vaccinazione pediatrica si segnala in tutta la regione. Questo 95% di bambini vaccinati, spiega il dottor Selle, che dirige il servizio di Igiene e Sanità pubblica, è la soglia fissata dalla Regione Veneto sulla scorta delle indicazioni ministeriali: «si calcola il numero dei bambini che nei primi due anni di vita vengono sottoposti alla vaccinazione esavalente, e parallelamente si calcola il numero dei bambini che, sempre nei primi due anni di vita, hanno ricevuto il vaccino per morbillo-parotite-rosolia (MPR). Ebbene, l’obiettivo del 95% è stato raggiunto per la prima volta con la "coorte 2016", quella cioè dei bambini nati nel 2016, che entro il 2018 sono stati sottoposti all’esavalente con una percentuale del 95,5%, e al vaccino Mpr con una percentuale del 95,1%».

Incontri con le famiglie

Le indicazioni della comunità scientifica, fatte proprie dal Servizio sanitario regionale, puntano fortemente sulla vaccinazioni somministrate nei primi due anni, e quindi monitorano il risultato, perché questa è la tempistica corretta e utile. È giusto infatti vaccinare i bambini presto: quando sono più piccoli hanno il massimo vantaggio dalla copertura vaccinale, che li protegge dalle malattie infettive particolarmente pericolose nei primissimi anni di vita. Al superamento della “soglia 95%”, a cui l’azienda sanitaria veneziana si è via via avvicinata negli anni passati, ha contribuito anche il dibattito sulle vaccinazioni innescato dall’obbligo scolastico: «si è parlato molto di questo tema – sottolinea Selle – e noi stessi, come servizio di Igiene Pubblica, ci siamo messi a disposizione del confronto con grande impegno e grande dedizione. Abbiamo partecipato a momenti pubblici, a iniziative dell’Ulss 3 sul territorio, e abbiamo incontrato moltissimi genitori: centinaia sono stati i colloqui diretti con mamme e papà per affrontare il tema e sollecitare una disponibilità alla vaccinazione del figlio. Quasi duemila – evidenzia Selle – sono stati i colloqui personali che hanno visto gli operatori del servizio dialogare con le famiglie: abbiamo dovuto essere presenti anche perché nelle aree urbane e metropolitane la campagna contro le vaccinazioni è più forte e agguerrita che nelle realtà di provincia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • Un nuovo sistema di prenotazione nell'Ulss 3: non è più l’utente che chiama il Cup, ma viceversa

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

Torna su
VeneziaToday è in caricamento