«Biblioteca del Bissuola chiusa senza preavviso: è inaccettabile»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo:

"Comunicato del Comitato dei cittadini del Parco Bissuola e del Partito Democratico 

Mentre nel 2018 (vedi giornale del Candiani di gennaio 2018) si annunciava da parte del settore cultura il potenziamento della biblioteca di Bissuola, grazie ad un finanziamento ottenuto dalla Regione Veneto, ad oggi la situazione è la seguente: dal mese di luglio, per motivi di carenza di organico, la biblioteca è aperta solo di pomeriggio. In questo modo c'è stata  una notevole riduzione di presenze, sia di studenti che di lettori che andavano di mattina a prendersi in prestito i libri. Inoltre, in quest'ultima settimana il più delle volte è stata chiusa di pomeriggio, sempre a causa della carenza di organico, con un cartello che viene esposto sul portone all'ultimo momento. Questa situazione, oltre che a precludere un servizio culturale ai cittadini, svuota contemporaneamente il Centro Civico nella sua funzione di presidio del territorio."

Comitato dei cittadini del Parco Bissuola 

«Questa settimana la biblioteca del Parco Bissuola è rimasta chiusa lunedì, martedì, mercoledì e venerdì pomeriggio senza alcun preavviso all'utenza! Venerdì pomeriggio (come è accaduto gli altri giorni) è stato affisso un cartello con su scritto "per ragioni organizzative la biblioteca rimane chiusa” - scrive la capogruppo del Partito Democratico in Consiglio comunale, Monica Sambo -. Pare che il problema sia legato alla carenza di personale e alla mancata presenza (non si sa se solo temporanea o definitiva) dei dipendenti dell'appalto biblioteche. La chiusura di questa settimana ha comportato notevoli disservizi, anche perché l'utenza non è stata avvisata preventivamente della chiusura, ma nelle varie giornate il cartello è stato affisso solo il pomeriggio. E' evidente che dopo la chiusura dell'anagrafe e di altri servizi dentro il parco oggi pare anche a rischio il servizio bibliotecario, anche perché non sappiamo quale sarà il destino del centro civico dato che prima e stato dichiarato che sarebbe stata fatta una biblioteca destinata all’adolescenza e poi il sindaco ha annunciato che gli spazi sarebbero stati assegnati alla biennale. Siamo stati contattati in questi giorni da alcuni cittadini che arrivati di fronte alla biblioteca hanno trovato chiuso. Da tempo sosteniamo la carenza di personale nei vari settori del comune, questo è solo uno dei tanti casi e disservizi di questa amministrazione, che pur di risparmiare crea difficoltà e toglie o diminuisce servizi al cittadino. Questa situazione ormai non è più accettabile ! Per questo nei prossimi giorni presenteremo un'interrogazione in consiglio comunale».

Torna su
VeneziaToday è in caricamento