Chemioterapia: nell'Usl 4 caschetti refrigeranti per prevenire la perdita di capelli

I caschetti refrigeranti verranno utilizzati per le donne con tumore al seno

L'iniziativa è stata possibile anche grazie alle associazioni di volontariato

L’alopecia, o perdita dei capelli, è uno degli effetti collaterali più comuni e traumatici provocati dalla chemioterapia. Per cercare di prevenirla, l'Usl 4 ha acquistato, grazie anche al contributo dell’Associazione Volontari Ospedalieri (AVO), Andos di Portogruaro, varie associazioni di volontariato, imprenditori, commercianti e semplici cittadini, tre apparecchiature tra le più evolute in commercio. «Ciascuna apparecchiatura è fornita di  due caschetti – ha spiegato il direttore dell'oncologia Daniele Bernardi – che sono in grado di abbassare la temperatura del cuoio capelluto in modo costante a 4 gradi centigradi. La riduzione della temperatura porta ad una vasocostrizione, e ciò rende minima la sostanza medicinale rilasciata nei follicoli piliferi. Inoltre la riduzione a livello metabolico riduce l’assorbimento delle sostanze da parte del follicolo pilifero». 

Utilizzati per le donne con tumore al seno

I caschetti refrigeranti verranno utilizzati per le donne con tumore al seno, in trattamento chemioterapico adiuvante pre e post-operatorio. «Una novità che si affianca al percorso diagnostico e terapeutico dedicato al carcinoma alla mammella con tanto di team senologico – ha aggiunto il direttore generale dell'azienda sanitaria Carlo Bramezza – e che si integra all’attività dell’oncologia e al processo di umanizzazione avviato da tempo in questa Azienda. Il merito di questa novità va tuttavia anche all’aiuto economico elargito dalle associazioni di volontariato che si sono impegnate molto sul territorio, coinvolgendo tantissime persone”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Recuperato senza vita l'anziano di San Donà

Torna su
VeneziaToday è in caricamento