Celiachia, come combatterla: all'ospedale di Dolo c'è un'ambulatorio dedicato

La struttura, in funzione dal 2015, offre supporto ai pazienti. Le info utili

All’interno del Servizio di Gastroenterologia dell’Ospedale di Dolo della Ulss 3, il cui responsabile è il Dottor Renato Marin, è attivo un ambulatorio dedicato alla malattia celiaca. I pazienti vi accedono su indicazione del proprio medico curante o dello specialista.

I servizi

L'ambulatorio attivato ormai dal 2015, è coordinato dalla Dottoressa Adriana Sergio e si occupa sia della diagnosi che della gestione della malattia: ad oggi ha in carico circa un centinaio di pazienti adulti. «La celiachia – ha spiegato la Dottoressa Sergio - è una malattia autoimmunitaria cronica dell'intestino e, nel nostro ambulatorio, ci occupiamo di fare una corretta diagnosi differenziando da altri disturbi simili, ma non celiaci, che sono anche molto frequenti. Diamo delle informazioni e dei suggerimenti per avviare una corretta dieta aglutinata che al momento è l'unico approccio terapeutico per questa malattia, riservando trattamenti medici solo a rari pazienti con malattia complicata».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Consigli

E' il glutine, infatti, cioè la proteina che si ritrova in alcuni cereali, ad essere il peggior nemico del celiaco: può provocare dolori e gonfiore addominale, diarrea ma anche carenza di ferro, astenia ecc. Per cui "la cura" per il celiaco è la dieta. «Qualora si accerta una malattia celiaca – ha aggiunto il medico - bisogna subito eliminare alimenti contenenti il glutine che la scatenano come il frumento, la segale e l'orzo e al loro posto preferire riso, farine di mais, grano saraceno e puntare sui legumi, carne, uova e pesce. Evitiamo in tutto questo la cura fai da te o l’improvvisazione che può derivare dalla consultazione sbagliata di alcuni siti online». La dieta aglutinata contribuisce a far passare i disturbi e a far guarire le lesioni intestinali che, se trascurate e non ben curate, possono portare anche a complicanze maggiori come il linfoma intestinale. «Stiamo parlando di una malattia – ha specificato il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – che deve essere diagnosticata dagli specialisti e non essere confusa con le intolleranze, spesso e volentieri, solo passeggere. Una malattia su cui diventa fondamentale il nostro comportamento alimentare, che deve rispettare una serie di regole, per star bene, e che ci vengono indicate dai medici ad esempio di questo ambulatorio. Quindi: ascoltiamoli e seguiamo correttamente le indicazioni per trarne subito beneficio».  Nel sito internet dell’Associazione Italiana Celiachia (www.celiachia.it) è possibile trovare l’ABC della dieta del celiaco con molte altre informazioni utili sull’argomento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento