Ipertensione, specialisti dell'Ulss 3 all'ospedale Civile per i controlli gratuiti

Giornata contro l'Ipertensione: gli specialisti dell'Ulss 3 sabato, guidati dalla dottoressa Cristiana Leprotti, hanno accolto, visitato e sensibilizzato gli utenti sul tema e sui rischi della patologia, visitandoli quest'anno dentro i locali restaurati della farmacia storica dell'ospedale Civile di Venezia.

Misurazione

La postazione, che ha sostituito i tradizionali "gazebo" organizzati negli scorsi anni in occasione della giornata mondiale sulla patologia, è rimasta aperta dalle 9 alle 13. In essa, il personale medico e infermieristico si è messo a disposizione della cittadinanza per la misurazione della pressione e per informare sull’Ipertensione arteriosa e sui fattori di rischio cardiovascolare. Insieme al direttore generale Giuseppe Dal Ben si sono sottoposte ai controlli Chiara Visentin, presidente della commissione consiliare alla Programmazione sanitaria e Coesione sociale e la consigliera Francesca Rogliani, delegata dell’assessore Simone Venturini.

Malattie cardiovascolari

I cittadini che si sono sottoposti al controllo pressorio hanno potuto visitare gratuitamente il museo della Scuola Grande di San Marco. «È importante verificare costantemente il proprio stato - ha sottolineato Dal Ben -: questa patologia è un nemico silenzioso, che nella maggioranza dei casi non dà disturbi, e i cui sintomi si presentano solo dopo anni, magari quando la pressione non regolare ha già provocato danni all’organismo». L'ipertensione arteriosa è la principale causa di malattie cardiovascolari (infarto del miocardio, ictus cerebrale, scompenso cardiaco) che in Italia provocano 240 mila morti ogni anno, pari al 40% di tutte le cause di morte. Inoltre, essa predispone anche allo sviluppo di malattie renali, di demenza e di nuovi casi di diabete. In Italia ne soffre il 30% della popolazione, 15-16 milioni di persone, ma nonostante la disponibilità di terapie efficaci per la grande maggioranza dei casi, solo un paziente iperteso su 4 è adeguatamente curato.

Controlli 

È evidente l’importanza di non sottovalutare valori pressori fuori dalla norma, e sottoporsi a un’adeguata terapia in caso di ipertensione arteriosa. Il “Centro Ipertensione” di Venezia è attivo dal 1988 per assistere la popolazione affetta da fattori di rischio. Ha svolto numerosi studi nazionali, internazionali, terapeutici e osservazionali con numerose pubblicazioni su tali argomenti, ed effettua ogni anno oltre 3.000 prestazioni specialistiche e 1.000 monitoraggi della pressione arteriosa.

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • I consigli per una lavastoviglie pulita e senza cattivi odori

  • Puntura di medusa: cosa fare? Verità e falsi miti

  • Rifiuti ingombranti a Venezia: una guida su come eliminarli

I più letti della settimana

  • Schianto frontale tra un'auto e un autobus: due morti e feriti gravi sulla Triestina

  • Auto fuori strada finisce nel canale, perde la vita un 23enne

  • Fuori strada in moto, morto un ragazzo

  • Si sente male e muore in spiaggia a Jesolo

  • Trovato morto nella sua auto a 24 anni: sospetta overdose

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

Torna su
VeneziaToday è in caricamento