La Coppa America torna in Arsenale: ricordi e futuro

Una mattina dedicata ai ricordi del Moro di Venezia e al futuro di Luna Rossa

Venezia e la Coppa America hanno un legame stretto: il ricordo del Moro di Venezia, che mostrava agli avversari il leone dipinto a poppa è indelebile, non sono nella città lagunare. Era il 1992 quando la Compagnia della Vela ha sfidato il San Diego Yacht Club: il Moro fu la prima sfida “latina” a vincere le regate di selezione, allora Louis Vuitton Cup e resta l’unico ad aver vinto una prova contro il defender. Non solo ricordi, al Salone nautico si è parlato anche di futuro della Coppa, della prossima edizione che sarà nell’estate australe del 2020/21 a Auckland Nuova Zelanda e dove parteciperà Luna Rossa, alla sua sesta sfida.  

Erano presenti i velisti Matteo Plazzi, uno tra i pochi  vincitori italiani del massimo trofeo (era a bordo di BMW Oracle) e Andrea Madaffari, velista e preparatore atletico del Moro di Venezia.  Davide Tagliapietra attuale progettista per il team Luna Rossa ha invece introdotto la tecnica che sarà protagonista a bordo delle barche della prossima edizione: monoscafi foiling di circa 23 metri con velocità di 30 nodi di bolina e 50 in poppa. Prestazioni che solo 15 anni fa sembravano impensabili e ora creano incertezza nello spettacolo. Corrado Scrascia ha rappresentato la Compagnia della Vela. Sette anni dopo l’Act che ha visto l’Arsenale aprirsi allo sport con una manifestazione che tutti i ricordano e che ha riempito le rive del Bacino di San Marco di pubblico la Coppa è tornata “a casa”, un po’ come sta facendo l’arte navale con l’esposizione del Salone Nautico Venezia.

Insomma ancora una volta l’Arsenale è stato protagonista, lo scenario ideale per tutto quanto è mare. Sullo sfondo della discussione il tema “uomini contro tecnologia”, ovvero perché sia così forte il ricordo di certe avventure come  quella Moro e forse meno quello di altre, che non erano partite con meno ambizioni. Nuovi ingredienti si affacciano alla scena: velocità soprattutto, tecnologia. Alla ricerca di "nuovi eroi" che sappiano invadere il mondo social la ricetta sembra antica: il valore della competizione con la adeguata comunicazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Violenta collisione in serata, perde la vita un 53enne di San Stino

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

  • Barca finisce in secca, volo dell'elicottero per recuperare quattro persone

  • Controlli e multe nei ristoranti: 225 chili di alimenti sequestrati in un solo esercizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento