Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La potenza comunicativa dell'artista Lorenzo Marini in mostra a Venezia | VIDEO

L'esposizione "Dal Silenzio alla Parola", che raccoglie 30 opere dell'artista, sarà visitabile negli spazi della Fondazione Bevilacqua La Masa fino al 30 agosto

 

Dal Silenzio alla Parola è il titolo della mostra antologica ospitata negli spazi della Fondazione Bevilacqua La Masa fino al 30 agosto. 

Dedicata all’artista Lorenzo Marini e curata da Sabino Maria Frassà, l’esposizione raccoglie 30 opere che ripercorrono il percorso artistico dell’autore, fondatore della corrente denominata TypeArt, volta alla liberazione delle lettere alfabetiche: dalle opere concettuali degli anni ‘90, passando per il Manifesto per la Liberazione delle Lettere, la mostra si conclude con l’installazione di AlphaCube, in cui l’artista crea un’opera immersiva e interattiva.

«Dal Silenzio alla Parola ha un doppio significato: parla sia dell’evoluzione della mia ricerca artistica ma anche della città di Venezia, che passa da un silenzio assordante e imposto - facendo riferimento all’emergenza sanitaria di questi mesi - all’umanità della parola» spiega Marini.

Una concezione artistica innovativa e sperimentale: «L’arte per Marini è un percorso di catarsi volto a trovare la “Parola”» spiega il curatore Frassà.

Fiore all’occhiello dell’esposizione è l’opera VeniceType 2020, un personalissimo tributo alla città lagunare che, per prima, cullò il talento di Marini: «Venezia è l’unica città in cui posso parlare del mio percorso artistico: nel 1980 lasciai l’Accademia di Belle Arti e il mio amato maestro Emilio Vedova per conseguire la laurea in architettura e intraprendere l’avventura professionale nel mondo della pubblicità. L’opera raffigura un alfabeto composto da lettere reinterpretate con i simboli, gli oggetti e le immagini più note di Venezia. Ogni lettera ha una storia da raccontare».

Presente all’inaugurazione di questa mattina, la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, ha commentato: «Dopo mesi di chiusura forzata diamo avvio a una nuova stagione dedicata all’arte, che è espressione e linguaggio universale di Venezia in tutto il mondo. Con Dal Silenzio alla Parola ridiamo voce alla bellezza e all’arte».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento