Dai viaggiatori Airbnb indotto di 123 milioni per i ristoranti veneziani

L'Italia è la terza al mondo per spesa nel settore, Venezia terza città della penisola

L'appetito vien viaggiando: lo dimostrano i visitatori in vacanza in Italia con Airbnb nel 2019, che faranno incassare a ristoratori e bar quasi 2 miliardi di euro. Già nel 2018 più della metà dei viaggiatori che hanno visitato la Penisola ha destinato alla ristorazione l’importo risparmiato grazie alla piattaforma, e il 32% dell’intero budget del viaggio. La cifra spesa quest’anno crescerà ulteriormente del 25%, portando il nostro Paese al secondo posto in Europa e addirittura al terzo nel mondo per la spesa dei viaggiatori nella ristorazione. Nei primi 46 mercati della piattaforma, nel 2018 questa spesa è stata di almeno 22 miliardi di euro, e si prevede che arriverà a 27 nel 2019 (30 miliardi di dollari). Questi i risultati dell’analisi del Centro studi di Airbnb, ottenuti incrociando dati interni con un’indagine condotta fra 237.000 host e guest registrati alla piattaforma e relativi al 2018.

Sempre più viaggiatori, infatti, colgono lo spirito di una meta partendo dalle sue tradizioni culinarie. Inoltre, ristoranti e bar sono anche luoghi di aggregazione in cui calarsi nei panni dei locali per vivere come un abitante del posto, motivo per cui il 77% degli ospiti preferisce soggiornare con Airbnb per scoprire una destinazione nuova.

Considerando il contesto italiano, stando alle previsioni la città al primo posto per spesa dei guest Airbnb al ristorante nel 2019 sarà Roma (289 milioni di euro), seguita da Firenze (143 milioni) e Venezia (123 milioni), riconfermando così il trend del 2018. La percentuale di crescita della spesa anno su anno favorirà soprattutto Napoli (+29%), seguita da Venezia (+27%) e Milano (+23%). Il capoluogo campano è anche quello in cui i viaggiatori dedicano la percentuale più alta del budget alla gastronomia locale (35%).

Venezia si distingue per la passione dei propri host: il 96% di loro punta a trasmettere la cultura e l’unicità del territorio consigliando la cucina locale, il dato più alto in Italia. La cucina toscana è quella più apprezzata dai turisti della piattaforma: quest’anno ammonterà infatti a 339 milioni di euro l’impatto economico su ristoranti e bar nella regione, superando le stime per gli esercizi del Lazio, al secondo posto con 304 milioni. Terza la Lombardia, con 224 milioni. Lombardia e Veneto sono però le regioni in cui la spesa dei visitatori Airbnb crescerà di più rispetto al 2018 (+26%).

Gli host della piattaforma in Italia contribuiscono al trend: il 90% di questi ha infatti consigliato ristoranti e bar ai visitatori accolti, contro l’84% della media globale. I nostri connazionali sono tra i più attivi in questo circolo virtuoso di cui beneficiano le attività locali, impegnandosi ad esempio più dei colleghi spagnoli (87%) e francesi (82%) nel passaparola.

In questo modo, l’interesse dei viaggiatori si orienta anche verso quartieri difficili da scoprire senza le indicazioni di una persona del posto e in cui la ricettività tradizionale è meno presente. Gli introiti che gli ospiti di Airbnb hanno portato alla ristorazione sono significativi in tutto il mondo. Al primo posto per il 2019 figurano gli Stati Uniti con 10 miliardi di dollari, seguiti da Francia (2,9 miliardi di euro) e Italia (1,8 miliardi).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'acqua alta cancella anche la musica, sommersa la biblioteca del Conservatorio Benedetto Marcello

  • Investito da un camion, ciclista muore a Fiesso d'Artico

  • Cocaina fuori dal locale e in casa: coppia in manette a Mirano

  • Giovani investiti da un treno mentre camminano lungo i binari: lui grave

  • Portata nei bagni della discoteca e violentata, la denuncia di una 18enne

  • Auto rovesciata in fossato, un ferito

Torna su
VeneziaToday è in caricamento