Dipingiamoci di blu: a Mestre il bullismo si cancella con il colore

Dal 4 al 13 ottobre una mostra del murales realizzato presso l'istituto comprensivo Colombo e ispirato al racconto omonimo di Francesca Anzalone

Dipingiamoci di blu: a Mestre il bullismo si cancella con il colore

Dal 4 al 13 ottobre a Venezia e Mestre si svolge la settima edizione di Dritti sui Diritti, una masnifestazione sul benessere e la crescita dei cittadini dedicata quest'anno al tema "una città a misura di bambini e ragazzi". A fare parte dell'iniziativa, un progetto nato in collaborazione con l'istituto comprensivo Colombo di Mestre che ha visto la realizzazione da parte dei ragazzi della prima media di un murales ispirato al racconto "Dipingiamoci di blu. Cancelliamo il bullismo con il colore" di Francesca Anzalone, libro da cui è nata anche una canzone scritta dagli stessi studenti contro il bullismo. La mostra del murales sarà aperta al pubblico fino al 13 ottobre mentre sabato 12 ottbre alle 16.30 in piazza Ferretto ci sarà un'esibizione del coro di ragazze e ragazzi della scuola. 

«Ho scelto di raccontare le emozioni di un gruppo di adolescenti partendo da una situazione finita e gettata alle spalle, per sottolineare come il punto di vista cambia tra il trovarsi nel mezzo della tempesta e, il dopo, quando tutto è risolto – spiega Francesca Anzalone, autrice della storia – un’occasione di confronto che si aggiunge ai tanti punti di vista dei personaggi e dell’insegnante che, anche se verbalmente non dice nulla, mostra una grande consapevolezza della situazione attraverso la comunicazione non verbale. Uno dei temi della discussione e del confronto è infatti il tema dell’ascolto che comprende non solo le parole e l’importanza che la parola ha, ma il tono, il modo e soprattutto la mimica che la accompagna e ancora di più i silenzi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento