Discarica a cielo aperto in centro città: la municipalità di Marghera fa un esposto alla Magistratura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

La Municipalità di Marghera presenterà un esposto alla Magistratura sulla situazione insostenibile creatasi da tempo nel ramo interno di Via Trieste, una sorta di strada a ferro di cavallo che, dal parcheggio scambiatore sotto la tangenziale, ritorna indietro verso la stessa via - una delle vie principali del territorio - costeggiando alcune decine di abitazioni monopiano e di condominii. Sia in alcune aree verdi incolte sia negli spazi antistanti una serie di casette disabitate si sono accumulati rifiuti di ogni genere: suppellettili ed elettrodomestici, rifiuti urbani, sacchi di fertilizzanti, fusti, lattine dal contenuto vario (lubrificanti e altro), sacchi e contenitori di residui di lavori edili, calcinacci e altro materiale della stessa provenienza oltre a rifiuti di incerta classificazione. La situazione, ormai insostenibile e vergognosa, mette a rischio i residenti, le molte persone che vi transitano per recarsi al parcheggio scambiatore e, con il vento, gli abitanti dei molti condominii della zona e coloro che vi transitano a poca distanza. Si tratta, a tutti gli effetti, di una grande e incontrollata discarica a cielo aperto formatasi nel pieno centro della città. Tale situazione, intollerabile, è nota da tempo. L’amministrazione comunale ne è certamente a conoscenza, così come il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica. Per questo motivo, persistendo e anzi accentuandosi la gravità del quadro, riteniamo di dover richiedere l’intervento della magistratura, sia per accertare, ove possibile, i responsabili degli abbandoni di rifiuti sia per intimare a chi di dovere di intervenire immediatamente per sanare la situazione, rischiosa per la salute e la sicurezza pubblica. E’ altresì necessario riprogettare al più presto il futuro dell’area in questione, che va risanata e recuperata strutturalmente.

Torna su
VeneziaToday è in caricamento