Fincantieri, la provocazione della Fiom: «Assuma i lavoratori in appalto rimasti a casa»

«Lavoro nero, paga globale, mensilità non retribuite, sfruttamento e perdita del posto senza ammortizzatori. Chiediamo di ricollocare questi lavoratori e pagare il salario mai corrisposto»

Foto: Fincantieri

A tre mesi dall'inchiesta della magistratura a Porto Marghera che ha messo sotto indagine tre imprenditori delle ditte in sub appalto alla Fincantieri, Fiom Cgil torna a puntare il dito contro «lavoro nero, paga globale, mensilità non retribuite, sfruttamento e perdita del posto senza ammortizzatori sociali». Il sindacato chiede a Fincantieri di contrattualizzare le decine di lavoratori, praticamente tutti stranieri, che hanno perso il lavoro a seguito di questa indagine. «Si faccia carico di surrogare il salario dovuto ai lavoratori trattenendo quanto dovuto per accordi commerciali alle ditte di appalto sotto inchiesta».

Il sistema

 «Abbiamo accolto positivamente l’iniziativa della magistratura veneziana e l'inchiesta per sfruttamento ed estorsione ai danni di alcuni lavoratori. Qui il sistema è fatto in modo che 4 mila lavoratori, dei 5 mila che lavorano in cantiere, abbiano contratti dei serie 'b'. Paghe più basse, meno diritti, niente ferie retribuite e talvolta neppure la malattia - scrive Fiom -. Alcune aziende e relativi proprietari, operanti nelle attività di scafo all’interno del cantiere, occupavano a Marghera una sessantina di lavoratori, quasi tutti stranieri. Per effetto dell’inchiesta la Fincantieri ha sospeso ogni rapporto in essere con le ditte coinvolte, ma ha bloccato allo stesso tempo l’ingresso in cantiere dei lavoratori, che si sono trovati dalla sera alla mattina senza lavoro e senza la possibilità di ricorrere agli ammortizzatori sociali, con mensilità di stipendio arretrate: settembre, ottobre, novembre, mai retribuite».

Surroga

Quello che chiede la Fiom è di «affrontare rapidamente la situazione per evitare che gli inaccettabili comportamenti delle ditte, di cui si occuperà la magistratura, ricadano sui lavoratori. Fincantieri ricollochi tutti i lavoratori espulsi e paghi il salario dovuto trattenendo, in caso, quanto
dovuto per accordi commerciali alle ditte di appalto sotto inchiesta». È un sistema, quello degli appalti in Fincantieri, conclude Fiom, «che andrebbe monitorato con più attenzione anche dalle istituzioni, nazionali e locali, per garantire ai lavoratori il rispetto delle leggi e dei contratti».

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • I consigli per una lavastoviglie pulita e senza cattivi odori

  • Puntura di medusa: cosa fare? Verità e falsi miti

  • Rifiuti ingombranti a Venezia: una guida su come eliminarli

I più letti della settimana

  • Schianto frontale tra un'auto e un autobus: due morti e feriti gravi sulla Triestina

  • Marito e moglie morti in un incendio divampato in casa

  • Auto fuori strada finisce nel canale, perde la vita un 23enne

  • Fuori strada in moto, morto un ragazzo

  • Trovato morto nella sua auto a 24 anni: sospetta overdose

  • Malore improvviso, muore un ragazzo di 17 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento