Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

La cerimonia per 862 neolaureati di Ca' Foscari a San Marco | VIDEO

 

Cerimonia di laurea in piazza San Marco, il 12 aprile, per 862 studenti dei corsi di laurea triennale dell’università Ca’ Foscari. Ad aprire è stato il rettore Michele Bugliesi: «L'università siete voi - ha detto, rivolgendosi ai neodottori -. Avete svolto un pezzo importante della vostra vita. Fate valere ciò che avete imparato. Usate quella conoscenza e mantenetela viva. La curiosità è ciò che rende la vita interessante, potete dire di aver studiato in una delle migliori università d'Italia. Siamo orgogliosi di voi e voi siatelo di voi stessi».

Ospite della cerimonia la giornalista Daria Bignardi, che ha rivolto il proprio saluto e augurio ai neodottori: «Seguite il filo dei vostri interessi, dei vostri desideri, e anche delle vostre paure. Rilke diceva che le nostre paure sono draghi a custodia dei nostri tesori più nascosti. Magari un giorno io vincerò la paura di guidare e scoprirò un tesoro. Sarò un’arzilla vecchietta che guida l’automobile in giro per l’Europa. Questo è un pensiero ottimista, sia per la guida che per diventare vecchietta che per il persistere dell’Europa: ci ho messo una vita ma ho capito che è molto più intelligente essere ottimisti che non esserlo. Quindi non solo emozioni, ma ragione. Le emozioni muovono ma è la ragione che governa. Quando scoprirete la vostra strada non vi risparmiate, e  godetevi la strada. Siate razionali nelle decisioni e irrazionali nelle passioni. Cercate l’avventura, l’esperienza, la poesia, l’ispirazione e la bellezza e applicatevi con disciplina a quel che credete sia giusto per voi.  È bellissimo essere qui con voi oggi a Venezia, dove ha studiato mia madre, studentessa a Ca' Foscari durante la guerra. Complimenti per i vostri risultati e tantissimi auguri per i vostri studi e la vostra vita».

Dal palco di San Marco anche i discorsi dei due migliori studenti della sessione, italiano e straniero.

Neri Fucile, miglior studente italiano: «L’università si è dimostrata fin da subito un’alleata vincente in questa scelta offrendomi numerose strade diverse e percorsi estremamente flessibili.Noi, come Cafoscarini, diamo spesso per scontato quello che la nostra Università ci mette a disposizione. Ma è solo confrontandomi con altri studenti anche di altre nazionalità ed università che mi sono reso conto dell’incredibile vantaggio che abbiamo avuto studiando qua».

Dunia El Mezouak, migliore studentessa straniera: «Ringrazio Ca’ Foscari, per tutte le possibilità che offre a chi le sa sfruttare. A partire da convegni, conferenze, progetti innovativi ed extra-curriculari fino ad arrivare agli innumerevoli progetti formativi all'estero. Favorendo l'internazionalizzazione, gli incroci culturali, l'elasticità e l'apertura mentale incoraggiando e premiando chi, come me, ha deciso di partire».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento