Municipi più accessibili per chi ha problemi di udito: interpretariato live, si parte da Mira

Lo spinoff di Ca' Foscari "Veasyt" mette a disposizione via app interpreti in lingua dei segni. Una legge regionale garantisce i finanziamenti. "Tecnologia al servizio della cittadinanza"

Gli uffici comunali diventano accessibili ai sordi. Dal primo giugno in municipio si comunica anche con la lingua dei segni, tramite un interprete disponibile da remoto, in videochiamata via app. Apripista è il Comune di Mira, ma altri stanno già seguendo l’esempio, come Monastier, nel Trevigiano. E' possibile grazie a una startup nata all’università Ca’ Foscari, lo spin-off Veasyt, e ad una nuova legge regionale che riconosce la lingua dei segni italiana (LIS) e promuove l’inclusione sociale delle persone con problemi di udito.

Interprete live sullo schermo

I Comuni hanno attivato Veasyt Live!, un servizio di video-interpretariato professionale da remoto, via computer e tablet, in LIS e in 15 lingue vocali per interloquire con i cittadini sordi e di lingua straniera. L’interprete è in linea in meno di tre minuti dalla richiesta. Non a caso lo strumento è sviluppato dall'ateneo veneziano, che svolge un vasto programma di ricerca e didattica su sordità e lingue dei segni, oltre a insegnare 40 lingue e culture di tutto il mondo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tecnologia al servizio della comunità

“Ho creduto da subito nel progetto - spiega il sindaco di Mira, Marco Dori - D'accordo con il vicesindaco Gabriele Bolzoni, ho voluto che Mira fosse il primo comune veneto a dotarsi di questo servizio. Siamo di fronte alla buona tecnologia al servizio della comunità e contro le barriere linguistiche. Le nostre comunità sono dei mondi in miniatura: le attività di interpretariato e mediazione culturale sono necessarie per fornire risposte, e servizi, all'altezza. Pensiamo agli utenti dei servizi sociali, dell'anagrafe, di polizia locale. Ma anche negli uffici tecnici è importante farsi capire bene, onde evitare errori ed incomprensioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento