Lavori al Casinò del Lido, stazione Porto Marghera e forti di Mestre: ok agli accordi di partenariato

Approvato lo schema del progetto RE.MO.VE. del Comune di Venezia. Oltre 15 milioni di euro dal bando periferie, c'è anche il completamento della cittadella della giustizia

La stazione di Porto Marghera (archivio)

Passi avanti negli interventi finanziati dal bando periferie nel territorio veneziano. La giunta comunale ha approvato tre delibere relative allo schema di partenariato del progetto RE.MO.VE., dedicato appunto al recupero periferie e mobilità sostenibile: riguardano opere di manutenzione e riuso del Palazzo del Casinò del Lido, dei forti di Mestre e della stazione ferroviaria di Porto Marghera.

Rfi

La riqualificazione della stazione di Marghera prevede un costo totale di 7,6 milioni di euro, dei quali circa 3,8 milioni finanziati dal bando e oltre 3,7 milioni da Rfi. Nello specifico i lavori dureranno 240 giorni e consentiranno di risistemare la fermata, in relazione all'importanza che essa ha acquisito con la nuova ubicazione della sede universitaria e altri servizi nella zona circostante. Questo intervento diventerà strategico anche nell'ottica di ricucitura urbanistica fra le zone di Marghera a nord e sud della linea ferroviaria, facilitando il collegamento ciclopedonale fra le due parti. Infine gli interventi sono volti ad assicurare l'accessibilità per i disabili, con ascensori e rampe e con l'adozione dell'altezza standard dei marciapiedi di stazione.

Biennale

Per il Palazzo ex Casinò al Lido sono programmati oltre 400 giorni di lavori per un impegno complessivo di 13,375 milioni di euro, dei quali oltre 10 dal bando e la restante parte divisi tra investitore privato e pubblico. Si tratterà di completare i lavori riavviati recentemente sull'area degradata antistante l'ex Casinò e il Palazzo del Cinema. Nello specifico si procederà al recupero dell'edificio ex Casinò, del potenziamento della capacità ricettiva dei saloni e degli uffici e l'ottimizzazione degli impianti tecnologici.

Itinerario dei forti

Serviranno 11 mesi per sistemare i forti di Mestre, per un importo complessivo di 1,5 milioni di euro interamente a carico del bando. «Il campo trincerato di Mestre - comunica l'amministrazione - si configura come un sistema di forti e polveriere costituito da 12 fortificazioni costruite tra Otto e Novecento: di queste, 7 sono di proprietà del Comune: Forte Manin, Forte Carpenedo, Forte Gazzera, Forte Tron, Forte Mezzacapo, Forte Pepe e Forte Rossarol, attualmente utilizzati solo in parte da alcune associazioni. Il progetto prevede interventi di sistemazione degli spazi esterni e di messa a norma dei fabbricati e dei relativi spazi interni con la realizzazione di un collegamento tra i vari Forti, sviluppando itinerari turistico-culturali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cittadella della giustizia

A questi interventi ne va aggiunto un altro, del valore di oltre 17 milioni, per la ristrutturazione edilizia del complesso “Manifattura Tabacchi” per la realizzazione della Cittadella della giustizia di iazzale Roma. Un progetto con il quale il Comune di Venezia ha partecipato al bando periferie e che ha anche ottenuto la compartecipazione alla ristrutturazione da parte del ministero della Giustizia, per un importo di 4,6 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento