Il geologo Mario Tozzi al Castello Festival: «Gestione folle del turismo a Venezia»

Il geologo e divulgatore ha fatto tappa a Padova per presentare il libro, "L’Italia intatta"

Mario Tozzi al Castello Festival

La tappa veneta di “Italia intatta Tour” di Mario Tozzi si è tenuta al Castello Festival 2019 ed ha visto la partecipazione di tantissime persone. Purtroppo, a causa di un allerta maltempo rivelatasi poi infondata, gli organizzatori hanno optato per una soluzione sicura e la serata non si è quindi svolta nella splendida cornice del Castello dei Carraresi, sede naturale del Festival, ma al MPX.

Mario Tozzi e Dario Vergassola

Il geologo e divulgatore Mario Tozzi fa tappa quindi a Padova per presentare il suo libro, L’Italia intatta (ed. Mondadori) che è un viaggio nei luoghi più nascosti e intatti appunto. A condurlo nel racconto l’attore comico Dario Vergassola, che ha reso la discussione ancora più piacevole di quanto già non lo fosse vista la capacità divulgativa di Tozzi.

Leggi l'articolo su PadovaOggi

Intatto

E Vergassola glielo chiede, cosa sia rimasto di intatto. «Ma - spiega alla platea nutritissima, Mario Tozzi - di intatto nel nostro paese non è rimasto molto. Di luoghi ancora non trasfigurati, sfruttati, violati e massificati poco è rimasto. In un paese ricchissimo di paesaggi meravigliosi, di arte e bellezza sempre più difficile è provare quel senso di spaesamento che si prova quando ci si trova di fronte a qualcosa di veramente intatto, cioè così come in origine si è formato».

Lectio

La serata si avvia con una lectio del professore Mario Tozzi supportata da immagini a commento spaziando da nord a sud e fermandosi sulla nostra regione. Nella seconda parte con il supporto di Dario Vergassola si affronta una lettura della realtà locale, del turismo di massa, di quello “mordi e fuggi”, della questione Grandi Navi e di quanto sia impattante il numero di turisti che ogni anno visitano una città tanto umica e meravigliosa come Venezia quanto estremamente fragile e delicata. Circa 600 a 1 questo è l’impatto dei turisti per ogni cittadino di Venezia.

Preservare

«Questo non è certo il modo - afferma il geologo in riferimento al fenomeno del turismo mordi e fuggi - per conoscere e preservare, riappropriarsi e conservare. Bisognerebbe piuttosto assaporare, lentamente e soprattutto rispettare ciò che oggi ancora abbiamo. E’ l’unico modo per lasciare alle generazioni future ciò che ancora è intatto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Truffatore online per anni, lo vanno a prendere nel suo appartamento

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento