Emergenza sanità, l'indagine Cgil sull'età e la retribuzione dei medici veneti

«Guadagnano meno di quelli di altri territori perché la Regione non ha investito risorse sulla contrattazione, e sono anziani. Il sistema non reggerà se non si inverte la rotta»

Foto: medici in sala operatoria, archivio

Emergenza sanità in Veneto. A raccontarlo, una volta di più, è l'indagine della Funzione Pubblica Cgil del Veneto sui dati del conto annuale della ragioneria dello Stato. 

L'età dei medici

Nel mirino l'innalzamento dell’età media dei medici e l'assenza di una programmazione per servizi di qualità nei prossimi anni. «Il personale medico risulta sempre più sotto stress e in difficoltà anche per la scarsa costruzione della sanità territoriale che stenta a partire. Risulta preoccupante la percentuale di medici in uscita nei prossimi 10 anni - scrive Fp Cgil Veneto -. Essendo aumentati i bisogni di salute della cittadinanza, inevitabilmente cresce il carico di lavoro sul personale in servizio. Dobbiamo registrare che l’età media dei medici veneti nel 2017 è di 50,69 anni. Va tenuto conto di come il turnover non contiene l’aumento dell’anzianità del personale che supera i cinquant’anni, che è bene ricordarlo, lavora su turni di 24 ore. Per quanto riguarda il personale medico, con più di 60 anni di età, sono al lavoro 1.475 unità pari al 21.89% per un totale, se consideriamo chi supera i 55 anni, di 2.746 unità pari al 40.75% di cui 172 medici con oltre 65 anni. Risulta quindi evidente che quasi metà del personale in servizio svolge, pur avendo superato i 55 anni di età, lavori gravosi».

Schermata 2019-04-08 alle 18.39.31-2

Retribuzioni

«Andando a paragonare le retribuzioni di alcune aziende ospedaliere possiamo notare come vi sia una penalizzazione dei medici veneti rispetto a quelli di altre regioni - continua l'analisi -. Confrontando i dati delle retribuzioni dei medici dell’azienda ospedaliera di Padova con quelli di altre tre aziende ospedaliere (Torino, Bologna e la San Giovanni Addolorata di Roma) si vede come lo stipendio del personale di Padova sia di molto inferiore, con 79 mila e 184 euro contro gli 86 mila e 859 di Torino, 85 mila e 562 di Bologna e 81 mila e 813 dell’azienda romana. Questa situazione - scrive Cgil - è determinata anche da scelte regionali in quanto il Veneto ha sempre scelto di non aumentare le risorse regionali alla contrattazione quando poteva farlo. Non è possibile pensare di avere un sistema sanitario efficiente e di qualità con personale che aumenta di anzianità anagrafica e carichi di lavoro: un sistema che progressivamente rischia il collasso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Medici in pensione

«La proposta di richiamare in servizio il personale in pensione non risolve in alcun modo la carenza di medici - conclude la Funzione Pubblica della Cgil del Veneto -, determinando solo l’abbassamento della qualità dell’assistenza. Servono a tutti i livelli interventi urgenti per costruire un vero progetto socio sanitario che prenda in carico i cittadini e sia in grado di rispondere ai bisogni sempre crescenti della popolazione. Investire sui lavoratori, sui professionisti della sanità, vuole dire investire sulla qualità della vita di tutti i cittadini».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rettile marino in spiaggia a Jesolo: il Tropicarium Park lo recupera

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Un operaio morto sul lavoro a Maerne

  • Venti chilometri di sopraelevata per raggiungere Jesolo d'estate. Ok dal Cipe

  • 32enne trovato morto in un parcheggio a Mestre: sospetta overdose

Torna su
VeneziaToday è in caricamento