Ex scuola Edison: pronto mezzo milione di euro per sistemare la palestra

Dopo i 500mila stanziati per il blocco principale dell'ex istituto di Marghera, ecco 490mila euro per l'adeguamento alle norme vigenti

La palestra dell'ex scuola Edison

Altri 500mila euro - 490 per l'esattezza - destinati alla ex scuola Edison di Marghera. Dopo il primo mezzo milione destinato per il blocco principale, la Giunta di Venezia ne ha stanziati altrettanti per la sistemazione della palestra. Si tratterà di un investimento finanziato con i fondi Pon Metro, che porterà all'adeguamento della sala, oltre che dei pertinenti locali spogliatoi e servizi. Sarà rimosso anche l'amianto presente sulle lastre di copertura dell'edificio.

Gli interventi nello specifico

Nello specifico, il progetto prevede nuove recinzioni per separare l’impianto sportivo dagli edifici adiacenti, con la creazione di accessi indipendenti usufruibili anche da persone con disabilità, nuove forniture elettriche, idriche e di gas indipendenti, nonché la sostituzione del pacchetto di copertura della palestra con nuovi pannelli metallici coimbentati e controsoffitto in legno mineralizzato. Sono previsti anche il completo rifacimento dei finestroni della palestra, con utilizzo di serramenti con ridotte dispersioni termiche, il totale rifacimento degli spogliatoi già a servizio della palestra per crearne altri due per gli arbitri, dotati di servizi igienici accessibili a disabili, e la realizzazione, in un annesso locale, dell’ingresso principale degli atleti, una stanza di pronto soccorso e un ufficio.

«Un milione per il recupero di uno stabile importante»

«Dopo l’approvazione del progetto definitivo per l’adeguamento, messa a norma e rimozione dell'amianto dal tetto dell'edificio dell'ex scuola Edison a Marghera per un importo di 500mila euro approvato lo scorso luglio - commenta l’assessore alle Politiche giovanili Simone Venturini - ora la Giunta ha approvato la messa in sicurezza del corpo palestra. Quasi un milione di euro destinati al recupero di uno stabile molto importante per Marghera e che si prepara ad avere tutte le carte in regola per diventare sempre più accogliente per i giovani e gli sportivi che potranno godere di strutture a norma».

Lavori al via ad inizio 2019

I lavori cominceranno all'inizio del 2019, e si aggiungono agli interventi già previsti nell'area di Marghera per la riqualificazione del patrimonio residenziale pubblico e per la sistemazione di molte aree verdi. «Rimuovere e sostituire una copertura con amianto - ha continuato Venturini - non è un intervento che assicura visibilità, né garantisce applausi o tagli del nastro. Nel passato forse questo è stato un deterrente ma per il sindaco Brugnaro, che crede moltissimo nella valenza educativa e sociale dello sport, la scelta è stata obbligata».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • finché c'è amianto in doppio strato con lana di roccia e infiltrazioni non mi sembra il caso di fare frequentare lo stabile. l' amianto é rotto in più punti e la lana di roccia é bagnata. permettere la frequentazione è criminale, non riuscire a disignare altri spazi per le attività all' interno é incapacità politica. Un binomio caratteristico. NESSUNO IN QUESTA AMMINISTRAZIONE HA COMPETENZE AMBIENTALI E QUESTO É GRAVISSIMO PER LA NOSTRA SALUTE. vorrei più competenza e meno ambiziosi di far carriera, più tecnici e meno politicanti. grazie

Notizie di oggi

  • Mestre

    Rapina in banca alla Gazzera: presi i rapinatori trasfertisti in tutta Italia

  • Cronaca

    In partenza dallo scalo di Tessera, in valigia ha una pistola e 5 proiettili

  • Cronaca

    Tetto di un'abitazione in fiamme a Noale, 4 squadre di vigili del fuoco sul posto

  • Attualità

    La Regione progetta, Rfi finanzia: addio ai passaggi a livello a Chioggia e Pramaggiore

I più letti della settimana

  • Lutto a Martellago e nel Veneziano per la morte improvvisa di Andrea Priviero

  • Succede in palestra a Mestre: gli addetti alle pulizie entrano nello spogliatoio femminile senza avvertire

  • Incidente in A4 direzione Venezia, morto un 39enne di Noventa di Piave

  • Carlotta è stata trovata: era nella barca dei genitori al porto di Jesolo

  • Trovato morto in casa dalla mamma: è overdose

  • Incidente in A4 al confine tra Meolo e Roncade, morta una persona

Torna su
VeneziaToday è in caricamento