Ex scuola Edison: pronto mezzo milione di euro per sistemare la palestra

Dopo i 500mila stanziati per il blocco principale dell'ex istituto di Marghera, ecco 490mila euro per l'adeguamento alle norme vigenti

La palestra dell'ex scuola Edison

Altri 500mila euro - 490 per l'esattezza - destinati alla ex scuola Edison di Marghera. Dopo il primo mezzo milione destinato per il blocco principale, la Giunta di Venezia ne ha stanziati altrettanti per la sistemazione della palestra. Si tratterà di un investimento finanziato con i fondi Pon Metro, che porterà all'adeguamento della sala, oltre che dei pertinenti locali spogliatoi e servizi. Sarà rimosso anche l'amianto presente sulle lastre di copertura dell'edificio.

Gli interventi nello specifico

Nello specifico, il progetto prevede nuove recinzioni per separare l’impianto sportivo dagli edifici adiacenti, con la creazione di accessi indipendenti usufruibili anche da persone con disabilità, nuove forniture elettriche, idriche e di gas indipendenti, nonché la sostituzione del pacchetto di copertura della palestra con nuovi pannelli metallici coimbentati e controsoffitto in legno mineralizzato. Sono previsti anche il completo rifacimento dei finestroni della palestra, con utilizzo di serramenti con ridotte dispersioni termiche, il totale rifacimento degli spogliatoi già a servizio della palestra per crearne altri due per gli arbitri, dotati di servizi igienici accessibili a disabili, e la realizzazione, in un annesso locale, dell’ingresso principale degli atleti, una stanza di pronto soccorso e un ufficio.

«Un milione per il recupero di uno stabile importante»

«Dopo l’approvazione del progetto definitivo per l’adeguamento, messa a norma e rimozione dell'amianto dal tetto dell'edificio dell'ex scuola Edison a Marghera per un importo di 500mila euro approvato lo scorso luglio - commenta l’assessore alle Politiche giovanili Simone Venturini - ora la Giunta ha approvato la messa in sicurezza del corpo palestra. Quasi un milione di euro destinati al recupero di uno stabile molto importante per Marghera e che si prepara ad avere tutte le carte in regola per diventare sempre più accogliente per i giovani e gli sportivi che potranno godere di strutture a norma».

Lavori al via ad inizio 2019

I lavori cominceranno all'inizio del 2019, e si aggiungono agli interventi già previsti nell'area di Marghera per la riqualificazione del patrimonio residenziale pubblico e per la sistemazione di molte aree verdi. «Rimuovere e sostituire una copertura con amianto - ha continuato Venturini - non è un intervento che assicura visibilità, né garantisce applausi o tagli del nastro. Nel passato forse questo è stato un deterrente ma per il sindaco Brugnaro, che crede moltissimo nella valenza educativa e sociale dello sport, la scelta è stata obbligata».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I benefici della cyclette, un attrezzo per tornare in forma in poco tempo

  • Il bar di Venezia che riapre con tutti gli impianti a prova di acqua alta

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Volo dell’Angelo 2020, Venezia è pronta

  • Cardiologie aperte: screening e visite gratuite all'ospedale di Mirano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento