Per i cittadini e le imprese c'è un supporto 24 ore su 24: il numero verde Regione Veneto

Gratuito, aperto a quanti stiano vivendo situazioni problematiche. "InOltre" aiuta a guardare al di là del circolo vizioso in cui le persone si sentono chiuse. Da Venezia più di 80 richieste

Sarà attivo per l’intera estate “inOltre”, il servizio gratuito voluto dalla Regione del Veneto per supportare gli imprenditori in difficoltà, ma aperto anche a tutti i cittadini che stiano vivendo situazioni problematiche e profondi cambiamenti. Operativo su tutto il territorio regionale, inOltre è un servizio di gestione delle emergenze e di promozione della salute realizzato da Ulss7-Pedemontana in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia applicata dell’Università di Padova. Canale principale di contatto per chi cerchi un confronto, una consulenza e un sostegno psicologico, il numero verde 800334343 è funzionante 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Richieste d'aiuto

In 6 anni, fino a giugno 2018, sono 4.679 complessivamente le chiamate giunte al numero verde; 676 le persone seguite sul territorio con percorsi di supporto dedicati: 208 della provincia di Vicenza, 160 di Padova, 143 di Treviso, 82 di Venezia, 47 di Verona, 26 di Rovigo, 8 di Belluno. Il servizio nasce per supportare nello specifico gli imprenditori colpiti dalla dura crisi economica, e gradualmente si è poi aperto ai risparmiatori colpiti dal crac delle banche venete e infine a tutti i cittadini in difficoltà. Ancora oggi resta notevole la richiesta di supporto dai primi: più di 4 chiamate su 10 giungono, infatti, da parte di imprenditori e lavoratori autonomi. I cambiamenti connessi alla crisi economica non sono finiti, e molti imprenditori sono ancora in grande difficoltà, con aziende in situazioni precarie e ancora lontane dall’essersi stabilizzate,  con la fatica di riprendersi da tanti sforzi e compromessi accettati per superare la crisi.

Guardare più in là

InOltre intende aiutare le persone in difficoltà ad “aggiungere altro”, a guardare oltre il circolo vizioso in cui si sentono chiuse, ad aprire nuove traiettorie alle strade che appaiono loro senza sbocco, cambiando prospettiva. Ma significa anche “entrare nell’oltre” dei nuovi percorsi che si possono immaginare e tracciare insieme, rivolgendosi alla comunità e ai servizi che il territorio mette a disposizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella convinzione che per offrire risposte efficaci in situazioni così complesse sia fondamentale attingere e rigenerare tutte le risorse del territorio disponibili, ossia fare rete, inOltre punta a creare un “welfare di comunità”, e per questo è a disposizione di tutti i servizi pubblici e privati, per collaborare per la salute del nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Venti chilometri di sopraelevata per raggiungere Jesolo d'estate. Ok dal Cipe

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Giovane ferito con una coltellata alla fermata del bus

Torna su
VeneziaToday è in caricamento