Nuova dialisi a San Donà: posti letto con tv e tutti i comfort, investiti 2 milioni

Inaugurazione oggi, presenti una ventina di letti e due postazioni per il monitoraggio dei pazienti

Venti letti con tv dedicata, due postazioni per il personale sanitario, tre per il controllo dell’osmosi con la possibilità di gestione anche via web, spazi amipi per il comfort di tutti. E' la nuova dialisi di San Donà, nata dall’ampliamento del monoblocco ovest dell’ospedale e inaugurata oggi alla presenza del governatore Luca Zaia, il direttore dell’Ulss4 Carlo Bramezza, il sindaco Andrea Cereser e il presidente regionale dell’Aned Mario Benetti.

Le novità

La nuova superficie, di 450 metri quadri, si somma a quella preesistente per un totale di 690. Letti, apparecchiature e arredi sono posizionati in un vasto open space; due banconi permettono al personale di monitorare i parametri dei pazienti; altre due sale più piccole sono riservate alle dialisi in emergenza o per pazienti con malattie trasmissibili. Per medici ed infermieri sono a disposizione quattro ambulatori e uno studio medico. I letti, tutti provvisti di tv, sono elettrici, a 4 snodi, regolabili in altezza, completi di accessori come il sistema di pesatura, presa usb, presa cuffie collegata alla tv, e predisposti per la degenza di pazienti bariatrici fino ai 300 chili. Presente anche il trattamento dell’acqua, o dell’osmosi. La capienza è passata da 8 a 21 posti letto, mentre la presenza di più ambulatori medici permette di ridurre i tempi d’attesa per le visite. In tutto sono stati investiti 2 milioni di euro.

I dati

I pazienti in trattamento dialitico tra San Donà, Portogruaro e Jesolo sono attualmente 97. L’organizzazione aziendale prevede che i pazienti più critici siano trattati a San Donà, che ne accoglie attualmente 42, e che aumenteranno a 50 nel prossimo autunno. Sempre in questo centro dialisi vengono presi in carico anche i pazienti trapiantati e in dialisi peritoneale. Inoltre sono attivi due centri dialisi estivi per i turisti: a Bibione, solo in estate; a Jesolo tutto l’anno. Al 31 luglio 2018 il totale dei trattamenti prenotati in questi due centri ha raggiunto il numero più elevato di sempre: 2.369.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento