Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Inaugurato il nuovo distretto sociosanitario di Cavallino-Treporti | VIDEO

Nella nuova sede verranno accentrate una serie di attività volte al benessere del paziente. Assicurati spazi ampi, oltre che più sicurezza e comfort

 

Il distretto sociosanitario di Cavallino-Treporti, inaugurato questa mattina, sarà attivo in una palazzina completamente ristrutturata in via Fausta 274, nell’area dell’ex “Casa per ferie Regina Mundi”. Nella nuova sede verranno accentrate una serie di attività precedentemente dislocate in vari ambiti territoriali, le quali usufruiranno di spazi più ampi e confortevoli, sia per l’utenza che per il personale medico, nonché rispondenti alle normative sulla sicurezza previste per taluni servizi come la continuità assistenziale o ex guardia medica notturna. 

Presenti all'inaugurazione l'assessore regionale alla Sanità e al sociale Manuela Lanzarin, il direttore dell'Ulls4 "Veneto orientale" Carlo Bramezza, il sindaco di Cavallino-Treporti Roberta Nesto e il vescovo della diocesi di Vicenza, monsignor Beniamino Pizziol.

Il dettaglio

Il distretto ospita al piano terra l’ambulatorio della continuità assistenziale per residenti e per turisti (ex guardia medica notturna), l’ambulatorio della medicina turistica, la reception e postazione per il personale interprete, una sala ristoro per i medici della continuità assistenziale. 

Al primo piano sono collocati l’ambulatorio infermieristico del centro di salute mentale, l’ambulatorio medico “psichiatrico” utilizzato anche dal personale medico del servizio per le dipendenze e della neuropsichiatria infantile, un ambulatorio per le attività del servizio disabilità per adulti e del servizio di integrazione lavorativa SIL (attualmente a Jesolo).

Entro il 30 settembre, con l’arrivo degli ultimi arredi, al primo piano apriranno anche l’ambulatorio ostetrico-ginecologico attualmente operativo nel consultorio di Jesolo, e l’ambulatorio della logopedista attualmente operativo in via Concordia, a Ca’ Savio. In questa fase verrà attivato anche il secondo piano della palazzina dove ci sarà la sede dell’assistenza domiciliare integrata (con spogliatoio per gli operatori), dove verrà fornito un ulteriore spazio alle attività dell’ostetrica, degli operatori del CSM e della disabilità per adulti. Infine, sempre al secondo piano, verrà messo a disposizione ampio spazio per la “medicina di gruppo”.

In ogni livello sono presenti sale d’attesa con angolo giochi per bambini, l’impianto di illuminazione è a risparmio energetico, mentre la scurezza per il personale viene garantita da finestre con inferriate anti intrusione e dalla videosorveglianza nelle 24 ore. Gli utenti con problemi motori possono usufruire di un ascensore per raggiungere gli ambulatori al primo e secondo piano.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento