Torna l'ora legale, 60 minuti di luce in più: ecco quando spostare le lancette

Torna l'ora legale. Ci sarà un'ora di luce in più. Con la primavera alle porte, il cambio scatterà nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo 2019. Alle 2 di notte di domenica 31 marzo le lancette andranno spostate avanti di 60 minuti. Dormiremo un'ora in meno, ma avremo un'ora di luce in più e le giornate saranno più lunghe.

Gli svantaggi per l'organismo

Non ci sono però solo vantaggi ad avere giornate con più luce. Secondo gli scienziati, il ritorno dell'ora legale può influire sull'organismo delle persone, provocando disturbi del sonno, difficoltà di concentrazione e stress. Alcuni studi scientifici confermano inoltre che il cambio dell'ora influisce sull'umore ancora di più dell'instabilità meteorologica della primavera. In ogni caso, in pochi giorni la situazione sarà sicuramente regolarizzata e si potrà godere appieno degli indubbi vantaggi dell'orario estivo.

Tra due anni potrebbe non esserci più il cambio d'ora

Ma il cambio d'ora ha, è il caso di dirlo, le ore contate. La posizione trovata dall'Europa nelle ultime ore (23 favorevoli, 11 contrari) è di lasciare che gli Stati si pronuncino tra due anni. Ogni Paese potrà fare come vuole, senza però tornare indietro. La commissione Trasporti ha infatti bocciato la proposta che voleva abolire il fuso orario già quest'anno. Insomma, chi nel 2021 deciderà di rimanere all'ora solare o legale, poi non potrà tornare più indietro. La posizione della commissione Trasporti dovrà ora essere approvata dall'Aula, e in quel caso il Parlamento avrà ufficialmente la sua posizione sul dossier, e con questa potrà avviare i negoziati con il Consiglio, dove l'idea di porre fine al doppio regime orario dal 2021 non sembra essere particolarmente osteggiata. L'anno scorso sul tema ci fu una consultazione popolare promossa dalla Commissione europea, nella quale su circa 4,6 milioni partecipanti (3,5 milioni dei quali tedeschi, promotori dell'iniziativa) l'84 per cento si disse favorevole all'abolizione, ma erano quasi tutti, come atteso, cittadini tedeschi e di paesi nordici.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La conferma dell'artista: il graffito apparso a Venezia è di Banksy

  • Cronaca

    «Escalation di episodi violenti»: il questore chiude per un mese il Molocinque

  • Cronaca

    Negozio di souvenir base dello spaccio: cocaina tra cialde di caffè, titolare in manette

  • Cronaca

    La marcia per il clima a Mestre

I più letti della settimana

  • Ciclista investito, elitrasportato in gravi condizioni dopo l'impatto a terra

  • Maltempo: la mareggiata cancella la spiaggia a Eraclea, danni anche a Caorle

  • Maxi operazione contro i clan specializzati in furti: 10 in arresto, 1600 auto sequestrate

  • Denti perfetti: tutte le regole da seguire per una corretta igiene orale

  • Pesciolini d'argento, gli insetti che si insidiano in tutte le case: come liberarsene

  • Presunta violenza sessuale in discoteca, una ragazza all'ospedale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento