Il padiglione Venezia: nebbia, acqua e spiritualità. Özpetek e Smutniak protagonisti

È stato inaugurato oggi alla Biennale arte. Brugnaro: «Si racconta la città nel segno della sostenibilità»

Un omaggio alla città, per consentire al visitatore di esplorarne la storia e la mitologia attraverso un ambiente artistico coinvolgente. È l'essenza del padiglione Venezia, inaugurato stamattina ai Giardini della Biennale con ospiti d'onore il regista  Ferzan Özpetek e l'attrice Kasia Smutniak, protagonisti della realizzazione di una sezione dell'allestimento. Il padiglione cattura l'essenza di Venezia con elementi diventati nel tempo dei simboli: immagini sacre, bricole, acqua e l'uso dei materiali che la caratterizzano come pietra, legno, corda e tessuto. Un'opera d'arte completa in cui il visitatore può sperimentare il microcosmo di Venezia nella sua interezza attraverso la nebbia, l'arte e la spiritualità.

L'allestimento

«Il marmo di Fabio Viale – ha spiegato la curatrice Giovanna Zabotti - è stato utilizzato per realizzare delle monumentali briccole di oltre tre metri che troneggiano nell'acqua che scorre lungo il padiglione. I Plastique Fantastique hanno creato una struttura gonfiabile in cui si cammina a piedi nudi passando in mezzo alla nebbia, tra profumi e materia. Una sezione poi è dedicata a Venetika, l'opera del cineasta Özpetek e della sua musa Smutniak, stoica interprete immersa nell'acqua e sul cui volto passano le immagini della città "Una bellezza che non stanca mai".  La sezione dedicata alle opere che esplorano la spiritualità e la religione è realizzata dall’artista Sidival Fila, brasiliano ma romano d’adozione (il primo monaco francescano ad esporre nella storia di Biennale). L'ambiente, per essere ancora più coinvolgente, è completato da un’ambientazione olfattiva realizzata dal Maestro profumiere Lorenzo Dante Ferro e un’opera sonora del compositore George Koumentakis».

Giovani artisti in mostra

Per il sindaco Luigi Brugnaro, il padiglione racconta la città grazie ad «artisti straordinari, con quattro modalità diverse, ma seguendo il fil rouge della sostenibilità». Brugnaro ha poi voluto sottolineare il significato del concorso “Artefici del nostro tempo”, rivolto ai giovani tra i 18 e i 35 anni, a cui hanno partecipato più di 2000 iscritti. «L'obiettivo era di includerli nella nostra storia artistica, arricchendo il nostro patrimonio: Venezia vuole esserci e vuole raccontarsi con le voci, con il cuore, con le opere di questi artisti e ora anche con le esperienze di giovani artisti». Ciascuna delle sei opere vincitrici, a rotazione, sarà esposta al padiglione Venezia per 15 giorni (si inizierà con il videoclip di Gloria Maria Gorreri dal 14 giugno) mentre tutte le altre che hanno partecipato al concorso saranno in mostra al Candiani e a Forte Marghera.

All'inaugurazione erano presenti anche il presidente della Biennale, Paolo Baratta, i direttori artistici Alessandro Gallo e Stelios Kois, il commissario del padiglione, Maurizio Carlin, lo staff curatoriale e gli artisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Scorzè: camionista investito e ucciso nella notte

  • Truffatore online per anni, lo vanno a prendere nel suo appartamento

  • Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: l'affluenza si ferma al 21,73%

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Scoperta a rubare vestiti, aggredisce il direttore e gli punta le forbici in faccia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento