Aria inquinata per i falò, il sindaco minimizza ma il Pd attacca: «Dati allarmanti»

Nel 2019 già cinque giorni di superamenti dei limiti di legge a Mestre, con il picco negativo il 6 gennaio

Il 2019 inizia con dati non proprio rassicuranti per quanto riguarda l'inquinamento dell'aria. Nei primi 7 giorni dell'anno, per ben cinque volte i valori di concentrazione di pm10 registrati a Mestre hanno superato i limiti di legge. Il picco in negativo è stato registrato il giorno dell'Epifania: 165 microgrammi per metro cubo alla stazione di rilevamento Arpav del parco Bissuola, quando la quota per una qualità dell'aria "buona" è fissata a un massimo di 50. Un dato probabilmente collegato (almeno in parte) ai falò dei "panevin".

Per questo il Pd si scaglia contro il sindaco di Venezia. «Per Brugnaro è sufficiente non aver ricevuto lamentele per i falò - scrive la capogruppo Monica Sambo - Peccato che i dati Arpav siano allarmanti e che i pediatri consiglino di non far uscire i bambini». La discussione sugli effetti dei tradizionali eventi dell'Epifania si ripropone tutti gli anni, e finora non sono stati presi dei seri provvedimenti a tutela dell'ambiente. La soluzione, per Sambo, sta nel mezzo: «Si possono anche mantenere alcune tradizioni - spiega - ma con eventi più limitati e controlli maggiori su quelli non ufficiali».

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Micosi alle unghie: i rimedi fai da te

  • I consigli per una lavastoviglie pulita e senza cattivi odori

  • Moscerini della frutta: come eliminarli dalla propria cucina

I più letti della settimana

  • Schianto frontale tra un'auto e un autobus: due morti e feriti gravi sulla Triestina

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Si sente male e muore in spiaggia a Jesolo

  • Auto fuori strada finisce nel canale, perde la vita un 23enne

  • A Mirano una raccolta fondi per la famiglia di Andrei e Ana Maria

  • Scontro fra auto e moto, un ferito portato a San Donà

Torna su
VeneziaToday è in caricamento