Comunicazione con gli amministratori, i miranesi preferiscono informarsi sul web

Pubblicati i risultati di un questionario sulla partecipazione somministrato ai cittadini. Scarso il coinvolgimento diretto in movimenti o partiti

Piazza Martiri a Mirano

Per buona parte dei cittadini di Mirano la comunicazione tra popolazione e pubblica amministrazione è fondamentale, e fin qui tutto normale: ciò che cambia, rispetto al passato, è il sistema con cui i residenti cercano lo scambio di informazioni. I new media (internet, social, smartphone) superano per la prima volta i media tradizionali, con oltre il 50% delle preferenze. Le nuove tecnologie diventano quindi i mezzi privilegiati, comunque senza sostituire metodi partecipativi più diretti: quando si chiede quale sia il miglior mezzo per esprimere la propria partecipazione, infatti, il dibattito sui social conquista solo il 3% delle preferenze. Sono alcuni dei dati emersi grazie al progetto di informazione e democrazia partecipata “Forum cittadini” del Comune di Mirano, che ha pubblicato i risultati di un questionario che analizza esigenze, aspettative e priorità dei miranesi sul tema della partecipazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Partecipazione sì, ma fuori dai partiti

Secondo Alessio Silvestrini, consigliere delegato ai temi della Democrazia partecipata, «i risultati sono incoraggianti» e insieme «testimoniano alcune criticità note e alcuni dettagli interessanti che mettono in luce come si sia evoluta negli anni l’idea di partecipazione». Prima di tutto c'è da recuperare un rapporto con le fasce d’età intermedie (30-50) e con le frazioni, e per questo Silvestrini propone modelli di partecipazione con tempi e modi in parte diversi da quelli adottati negli anni scorsi. In generale la partecipazione è intesa come impegno individuale dal 50% dei miranesi, mentre gli altri si dividono tra l’associazionismo, le iniziative partecipative in senso stretto, consultazioni e sondaggi, e l’incontro con i rappresentanti politici. Solo agli ultimissimi posti della partecipazione si preferisce l’adesione a movimenti e partiti politici (4%) e, come detto, il dibattito sui social e sugli altri media (3%). Infine, come assicurare la partecipazione? Gli intervistati auspicano in primis un’adeguata e diffusa pubblicità (indicata dal 68% degli intervistati), un ascolto sincero da parte dell’amministrazione (52%), la distribuzione anche nelle frazioni degli incontri (48%), un portale online a sostegno dei lavori e dell’informazione (47%), e la presenza di facilitatori dedicati, che seguano e stimolino il dibattito (43%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento