Letti in Pediatria al Civile: «Non bastano». Ulss3: «Copertura garantita»

La diatriba fra sindacati e Ulss: «I ricoveri continuano, nonostante l'estate, e sono in esubero rispetto ai posti». L'azienda garantisce «disponibilità di accoglienza e organico»

Ospedale Civile di Venezia

Pediatria dell'ospedale Civile di Venezia nel mirino dei sindacati Fp Cgil e Uil Fpl che puntano il dito contro «carenza di posti letto e di organico nel reparto, nonostante la stagione estiva. I ricoveri continuano e sono sempre in esubero rispetto ai posti letto», affermano le sigle. «La direzione, in caso di necessità, è pronta ad adeguare la disponibilità di accoglienza e gli organici», assicura Ulss3.

«Personale all'osso»

«La direzione, nel periodo estivo e fino al 30 settembre, ha ridotto da 9 a 6 i posti letto e, di conseguenza, anche il personale di assistenza è stato rapportato al nuovo “standard”, impegnandosi ad aggiungere unità di personale in caso di necessità - dicono Cristina Bastianello della Fp Cgil e Francesco Menegazzi della Uil Fpl -. Il fatto è che la Ulss3 disattende i suoi impegni e siamo molto preoccupati da questo atteggiamento. Questo reparto, oltre a occuparsi di posti letto, gestisce anche il nido e il nido medicalizzato, i pazienti ricoverati dal Pronto Soccorso e quelli in Day Hospital. Tutti servizi garantiti per i piccoli pazienti dal personale del reparto che, in questo periodo è ridotto all'osso. Chiediamo il rispetto degli accordi e che nel reparto di Pediatria del Civile di Venezia sia assicurata l'assistenza adeguata. Nonostante i nostri solleciti la direzione è inerte».

«Copertura garantita»

«La Pediatria di Venezia lavora nel periodo estivo in coerenza con le necessità assistenziali - commenta Ulss3 - È a partire da queste reali necessità, verificate dalla direzione dell'ospedale, e condivise con le parti sindacali che, come ogni anno, è stata dimensionata la disponibilità di posti letto in questo periodo, e in coerenza con il numero di posti letto è garantito l'organico del reparto. Come sempre, a fronte di eventuali necessità, si adeguano disponibilità di accoglienza e organici. Valutazioni, queste, che restano di competenza della direzione medica, che garantisce la piena efficienza dei reparti e del servizio, e respinge al mittente come ingiustificato e gratuito ogni dubbio in proposito».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento