Dopo 40 anni di carriera, va in pensione il sostituto commissario Pasquale De Bellis

Arruolatosi nel 1978, a fine mese tornerà ad essere un privato cittadino. Una carriera passata per molti anni nel Veneziano, dal 2005 era al commissariato di San Marco

A fine mese il sostituto commissario Pasquale De Bellis tornerà ad essere un privato cittadino, dopo 40 anni di servizio nella polizia di Stato. Arruolatosi il primo ottobre del 1978, nel 1992 transita nel ruolo degli Ispettori che lo ha portato oggi alla qualifica di sostituto commissario. Nei primi anni della sua carriera ha lavorato alle Volanti e alla Squadra Mobile di Venezia ed alla Digos di Napoli, per poi approdare alla Dia, prima di Reggio Calabria e poi di Padova per sette anni complessivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La carriera

Nuovamente a Venezia, al Commissariato di Mestre e infine, dal 2005, a quello di San Marco, ha qui svolto l'incarico di coordinatore del settore Ordine e Sicurezza. "In tutto il suo percorso professionale De Bellis - ha sottolineato il questore Danilo Gagliardi - ha evidenziato quotidianamente grandi doti di equilibrio e mediazione, fondamentali nella gestione dei numerosi servizi di ordine pubblico che hanno interessato nel tempo il centro storico veneziano. Grande conoscitore del territorio lagunare, serio, capace, poliedrico, è diventato un fondamentale punto di riferimento sia all’interno del proprio ufficio che per la cittadinanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri stabili, ma continuano i decessi: i dati aggiornati sul Covid-19

Torna su
VeneziaToday è in caricamento