Ritardi nel ripristino del pontile Parisi, interpellanza in Consiglio comunale

Il Pd veneziano chiede chiarimenti sui lavori in corso all'approdo nei pressi di piazzale Roma

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Ritardi nell'attivazione di uno degli approdi Actv di piazzale Roma vengono segnalati dal Pd veneziano: «È dal 13 settembre che è stato sospeso il pontile Parisi di Piazzale Roma, con notevoli disagi per la cittadinanza. Da quanto abbiamo appreso dai sindacati, la precarietà del pontile era stata denunciata da tempo all’amministrazione, ma si è deciso di sospenderlo solo a settembre. Sempre a settembre è stata pubblicata una ordinanza che prevedeva la fine dei lavori entro marzo. Il pontile è stato smantellato ma, ad oggi, i lavori non sono ancora iniziati».

Il gruppo del Partito Democratico, in collaborazione con il circolo mobilità e trasporti, ha presentato una interpellanza in Consiglio comunale per conoscere le ragioni dei ritardi. «È inaccettabile che dopo 5 mesi il pontile sia stato solo smantellato e non siano nemmeno stati avviati i lavori. È necessario poi comprendere perché l’amministrazione abbia voluto attendere così tanto per la sospensione di un pontile che, da quanto si è appreso anche dalla stampa, era in pessime condizioni», scrivono Monica Sambo (capogruppo Pd in Consiglio), Maurizio Mandricardo (componente segreteria con delega alla mobilità), Anna Ballarin (segretaria del circolo mobilità e trasporti) e i consiglieri Francesca Faccini, Rocco Fiano, Giovanni Pelizzato, Nicola Pellicani ed Emanuele Rosteghin.

Torna su
VeneziaToday è in caricamento