Pranzo di Pasqua a chi è in difficoltà: l'iniziativa di tre ristoratori

Tre locali offrono pranzo di Pasqua agli utenti del servizio di assistenza domiciliare di Annone Veneto, Noventa e San Donà

Dalla sensibilità di tre importanti realtà nel settore della ristorazione sul territorio, alla proposta di un pranzo di Pasqua da regalare a chi è più in difficoltà: un’iniziativa dei ristoranti Le Guaiane e Vino e Vino, di Noventa, e dell’Osteria Da Ninetta di Annone Veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa

Spiega Martina, del ristorante Le Guaiane: «Tutto nasce da una nostra precedente iniziativa di raccolta fondi, “Aiutaci a respirare”, originariamente destinata a supportare i malati di fibrosi cistica ma poi, visto il grande successo, anche ampliata ad altre associazioni. In cinque anni abbiamo raccolto circa 100.000 euro, e – visto che quest’anno non potremo farla, per ovvi motivi – ci siamo chiesti come mantenere questa tradizione di solidarietà. Da qui, in collaborazione con altri due ristoranti, l’idea di preparare un pranzo pasquale per persone in difficoltà». Aggiunge il sindaco di Noventa Claudio Marian: «Raccogliendo questa disponibilità, abbiamo subito pensato all’utenza del servizio di assistenza domiciliare, che spesso è costituita di persone anziane, sole e con difficoltà. Oltre 100 persone, tra Annone Veneto, Noventa e San Donà, per la Pasqua riceveranno un pranzo speciale cucinato da chef professionisti con passione. Ringrazio i ristoratori, e anche tutti i volontari di Protezione Civile e delle altre realtà che stanno supportando l’amministrazione in questi momenti complicati». Anche il Sindaco Andrea Cereser esprime soddisfazione per l’iniziativa, «che porta un po’ di gioia a tante persone, magari costrette a passare la Pasqua da sole per le restrizioni attuali. Anche questo è un segno di comunità; le diverse componenti della Città si fanno carico le une delle altre, sostenendosi in un momento di difficoltà».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento