Continui ritrovamenti di razzi di segnalazione: "E' un problema che rischia d'esplodere"

Il presidente di Veritas, dopo i ripetuti incendi degli ultimi giorni, ha preso carta e penna e ha scritto una lettera al prefetto: "Forze dell'ordine e Capitaneria devono intervenire"

Da tempo sono un grosso problema, al punto che il presidente di Veritas, Vladimiro Agostini, ha preso carta e penna e ha scritto al prefetto di Venezia, Carlo Boffi, per chiedere un intervento da parte delle forze dell'ordine, della capitaneria di porto e delle autorità preposte nei confronti di chi butta tra i rifiuti razzi di segnalazione o altri materiali che potrebbero esplodere. 

"Ritrovamenti continui, intervenire"

“I ritrovamenti sono continui – scrive Agostini nella missiva – anche di razzi non innescati, quindi desidero sollevare la sua attenzione per individuare metodi di contrasto verso i comportamenti irresponsabili di chi getta questi rifiuti pericolosi insieme ai rifiuti urbani invece che restituirli dove si comprano, per un loro corretto smaltimento”. I venditori di articoli pirotecnici, razzi di segnalazione compresi, hanno l’obbligo di ritirare gratuitamente i materiali scaduti o inutilizzati. Lo stabilisce il decreto del ministero dell’Ambiente 101/2016. L’articolo 4 afferma infatti che “il distributore di articoli pirotecnici raccoglie gratuitamente quelli inutilizzati, scaduti o non più suscettibili di ulteriore uso per le finalità cui sono destinati e i rifiuti derivanti dal loro utilizzo, consegnati dall’utilizzatore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Esplosioni ripetute

Né gli Ecocentri ed Ecomobili di Veritas sono autorizzati a ritirarli. Solo nell’ultimo mese un razzo di segnalazione ha provocato un’esplosione all’interno di un camion per la raccolta dei rifiuti di Pellestrina e un altro è stato trovato negli impianti di trattamento di Porto Marghera, con il rischio scatenare un incendio, come accaduto un anno fa quando le scintille provocate dall’esplosione di un razzo di segnalazione hanno distrutto a Fusina l’impianto di trattamento degli ingombranti della società Eco-Ricicli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento