In aumento l'uso degli ecocentri ma ancora tanti rifiuti abbandonati: 2300 le tonnellate tra Miranese e Riviera del Brenta

Analizzati dalla Veritas i dati del 2018 sui rifiuti e i materiali ingombranti correttamente smaltiti, ancora troppe negligenze da parte dei cittadini

2300 tonnellate di rifiuti abbandonati tra Miranese e Riviera del Brenta

I dati Veritas relativi allo scorso anno riportano un buon uso di ecocentri ed ecomobili da parte della popolazione per lo smaltimento di rifiuti di grandi dimensioni. Nello specifico, tra il Miranese e la Riviera del Brenta sono stati ben 266.000 i cittadini che hanno rispettato le giuste modalità di smaltimento di rifiuti seguendo le modalità di raccolta indicate nel sito ufficiale. Di questi 180.997 si sono rivolti agli ecocentri e 45.684 hanno invece utilizzato il servizio delle ecomobili itineranti.

Nonostante questo, però, sono tanti i rifiuti e i materiali ingombranti che non sono stati smaltiti correttamente dai cittadini. La spazzatura abbandonata per strada e raccolta dagli operatori della Veritas, a spese delle comunità residenti nei singoli comuni, nello stesso anno è stata di un totale di 2311 tonnellate. 

I dati comune per comune

Per entrare nel dettaglio: 5.358 persone hanno portato rifiuti ingombranti nell’ecocentro di Fossò; 22.442 in quello di Martellago; 50.249 a Mirano (a cui fanno riferimento i comuni che non hanno la struttura nel proprio territorio); 12.317 a Noale; 8.788 a Pianiga; 21.580 a Salzano; 12.001 a Santa Maria di Sala; 8.154 nella struttura di via Buratti e 11.254 in quella di via Marmolada, entrambe a Scorzè; 14.077 a Spinea e 14.777 a Vigonovo.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento