Sale operatorie, ritorna il sereno

Il tavolo di venerdì ha prodotto risultati che i sindacati hanno accolto favorevolmente. Ulss3: «Da parte nostra non è mai mancato l'impegno»

Medici, archivio

Esito positivo al termine dell'incontro di venerdì, fra la direzione Ulss3 e i sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, sui problemi del gruppo operatorio dell’ospedale dell’Angelo. 

Sospesa la protesta

La mobilitazione doveva portare al presidio davanti all'ingresso dell'ospedale sabato, con una lista di richieste all'azienda: «riorganizzazione della gestione delle sedute operatorie da parte della dirigenza medica, aumento del personale infermieristico per coprire assenze, turn over, ferie, aumento degli operatori socio-sanitari, riduzione dei carichi di lavoro, e riorganizzazione del lavoro», si legge nel volantino diffuso dalle sigle sindacali. 

Il tavolo

Il tavolo invece ha prodotto risultati che i sindacati hanno accolto favorevolmente. «L'accordo raggiunto con la direzione è positivo perché finalmente vengono date delle risposte alle questioni poste in questi mesi, ed emerse con forza nelle assemblee dei lavoratori - scrivono Marco Busato (Cgil,) Tommaso Gaspari (Cisl) e Francesco Menegazzi (Uil) - La Direzione – commentano i dirigenti sindacali – si impegna a garantire nell’immediato il turn-over di infermieri ed operatori sanitari. Inoltre il testo siglato prevede l’attivazione di un monitoraggio quotidiano dall’inizio delle sedute operatorie per apportare eventuali correttivi, una verifica dell’appropriatezza sia delle chiamate in pronta disponibilità, che delle aperture delle sale operatorie al sabato, e una valutazione dell’organizzazione del lavoro rispetto alla gestione delle urgenze nei prefestivi e festivi. Il monitoraggio è infine necessario per le modifiche organizzative e per l’eventuale implementazione della dotazione organica. Ci sarà un altro incontro non oltre settembre - concludono - per verificare eventuali altri correttivi da apportare all'organizzazione, come chiesto dai lavoratori».

L'impegno

«Abbiamo semplicemente riconfermato al tavolo ogni azione, da tempo intrapresa, per proseguire sulla strada che ha fatto del blocco operatorio dell’Angelo uno dei punti di forza dell’Ospedale - scrive Ulss3  -. Non sono mai state ignorate – sottolinea l'azienda sanitaria – le istanze che provengono dalla base. C'è stato un costante impegno a mantenere adeguati, l’efficienza dei servizi e il benessere organizzativo ed è sempre stato assicurato il turn-over per i dipendenti, e il preciso monitoraggio della situazione organizzativa per continuare a migliorare, come avvenuto fin qui, efficienza, qualità e sostenibilità del lavoro svolto. L’accordo raggiunto permette di dare continuità al prezioso lavoro delle sale operatorie, in cui grazie all’impegno di ogni singolo professionista si conferma e si rafforza, a vantaggio della cittadinanza, il ruolo di vero Hub territoriale assunto negli anni dall'ospedale dell'Angelo. Sul fronte della carenza di personale – conclude l'Ulss 3 – l’azienda sanitaria ha riportato al tavolo odierno le azioni già da tempo intraprese, secondo le linee tracciate in piena collaborazione con il livello regionale della gestione della sanità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

  • Trova il padre senza vita in casa

  • Scomparso da tre giorni, trovato nel canale senza vita

Torna su
VeneziaToday è in caricamento