Lotta dura dei comunali: in sciopero gli impiegati di anagrafi, stato civile e Urp

I lavoratori del Comune di Venezia rappresentati dai sindacati Fp Cgil, Uil Fpl, Csa Ral, Diccap e Cobas e la Rsu lo hanno deciso dopo l'assemblea di giovedì: «Assumono solo vigili»

Foto: Anagrafe e Mestre

L'agitazione è diventata lotta: vanno allo sciopero i dipendenti degli uffici anagrafe, stato civile e relazioni con il pubblico del Comune di Venezia. Lo hanno deciso gli aderenti ai sindacati Fp Cgil, Uil Fpl, Csa Ral, Diccap e Cobas e la Rsu dopo l'assemblea di giovedì. Bloccato anche lo straordinario.

«Manca personale»

«Lo sciopero sarà articolato a ore su più giornate di lavoro per dare continuità al percorso di protesta dei lavoratori che da troppo tempo aspettano risposte da questa amministrazione - fanno sapere Daniele Giordano della Funzione Pubblica Cgil, Mario Ragno della Uil Fpl, Sergio Berti di Csa Ral, Luca Lombardo del Diccap, Enrico Quieto del Cobas e Gianpiero Bulla Rsu -. Durante l’assemblea i lavoratori hanno evidenziato una situazione sempre più emergenziale dovuta alla carenza di personale. Dal 2016 il personale è calato di più del 20% e le prossime uscite dovute a pensionamenti e “quota 100” appesantiranno ulteriormente il clima e i carichi di pratiche. «Al Comune assumono solo e soltanto vigili e i servizi sono al collasso».

Le rivendicazioni

«Assunzioni, formazione, riduzione dello straordinario, e comunque pagamento dello stesso che non può, proprio per le carenze di personale, andare a recupero - sono le richieste, oltre a - definizione dell’indennità di condizioni di lavoro, revoca della responsabilità del procedimento in assenza di corrispondente qualifica e inquadramento». Interventi a garanzia della sicurezza del personale e dei servizi, oltre che alla «sorveglianza degli spazi adibiti alla celebrazione dei matrimoni, punti informativi, permanenti per le relazioni con utenza multietnica».

Le risposte

«Non sono mai arrivate - dicono gli impiegati -. L'amministrazione non ha mai affrontato in modo serio le richieste dando risposte e contribuendo a favorire un clima di lavoro positivo. Abbiamo assistito a nuove sedi che non cambiano la situazione difficilissima del servizio e le condizioni disastrose di lavoro del personale. L'amministrazione - concludono - non ci ha lasciato alternative se non quella di proclamare lo sciopero per difendere la dignità, la professionalità e i servizi che con dedizione e fatica stiamo erogando alla cittadinanza». «Solleciteremo il prefetto - precisano i sindacati - e i rappresentanti istituzionali a intervenire a tutela del personale e di questi servizi essenziali».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furti e rapine per strada e nei negozi, refurtiva da 2 milioni: come agivano i banditi

  • Cronaca

    Maxi operazione contro i clan specializzati in furti: 10 in arresto, 1600 auto sequestrate

  • Sport

    Umana Reyer beffata dalla Dolomiti Energia Trento: rinviato tutto a gara4

  • Cronaca

    Portuali: «Porto commerciale e lavoro legati alla manutenzione dei canali»

I più letti della settimana

  • Pugni e sassi contro due giovani: pitbull difende i padroni e azzanna gli aggressori

  • Ciclista investito, elitrasportato in gravi condizioni dopo l'impatto a terra

  • Maltempo: la mareggiata cancella la spiaggia a Eraclea, danni anche a Caorle

  • Denti perfetti: tutte le regole da seguire per una corretta igiene orale

  • Presunta violenza sessuale in discoteca, una ragazza all'ospedale

  • Torna l'acqua alta a Venezia, sarà un fenomeno "anomalo": toccherà quota 110 centimetri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento