Un nuovo sistema di prenotazione nell'Ulss 3: non è più l’utente che chiama il Cup, ma viceversa

Un link rapido sulla home page dell'azienda sanitaria permette di "prenotarsi", evitando attese al telefono e, in alcuni casi, saltando un passaggio

L'ospedale dell'Angelo (archivio)

C'è una nuova modalità, all'Ulss 3, che permette di evitare le attese in linea per fissare l'appuntamento per una visita o un esame: è sufficiente un click sul sito per "prenotarsi" e chiedere agli operatori del Cup che siano loro a chiamarti, appena liberi. «La nuova modalità di dialogo tra utenti e il Centro unico prenotazioni - spiega il direttore Giuseppe Dal Ben - permette di prenotare da casa la richiamata da parte del Cup, con l’invio di una semplice richiesta telematica. Se vuole, l’utente può anche inviare la ricetta, allegandola alla sua richiesta telematica, e ricevere di ritorno direttamente il promemoria con la data di prenotazione: la ottiene quindi senza che sia necessaria una telefonata». Nei primi giorni di attivazione di questo nuovo modulo web, tra mercoledì scorso e domenica, sono stati 140 (31 solo tra sabato e domenica) gli assistiti che hanno utilizzato il servizio e che nelle ore successive hanno ricevuto la richiamata degli operatori.

Al nuovo servizio si accede dalla home page del sito (www.aulss3.veneto.it), sia da pc che da mobile, dove un pulsante rimanda alla pagina con la richiesta da compilare. Nel modulo vanno inserite le informazioni base (nome e cognome, codice fiscale, distretto di appartenenza, numero e/o copia della ricetta), oltre al numero di telefono. C’è un campo “note” per fornire qualche informazione in più: l’utente può anticipare qual è il tipo di esame di cui ha bisogno, o segnalare eventuali preferenze di sede o altro. Nel caso in cui il modulo non fosse completo o non fosse chiaro, l’utente completerà le informazioni quando sarà richiamato dagli operatori; i quali sono impegnati a telefonare alla persona che si è “prenotata” nel giro di 24/48 ore, e intanto confermano la ricezione della richiesta con una email di presa in carico che è in sostanza la ricevuta della richiesta presentata, con il giorno e l’ora dell’invio. Se l’utente, utilizzando l’apposito campo, allega già la ricetta con la richiesta della prestazione (basta una fotografia leggibile scattata con il cellulare), il Cup risponderà, sempre per via telematica, inviando già la prenotazione, nella forma del promemoria dell’appuntamento già fissato nella prima data disponibile e secondo la priorità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In questi primi giorni – sottolinea il dirigente dell’URP Antonio Baccan – il tempo di risposta del Cup alle richieste ricevute con la nuova modalità è stato molto contenuto. Prevediamo che nei prossimi giorni possa aumentare il numero delle richieste, vista la comodità di utilizzo del nuovo sistema rispetto al telefono». L’impegno, comunque, è garantire una richiamata al massimo entro le 48 ore. La nuova modalità garantisce all’utente innegabili vantaggi: in primo luogo utilizzandola non dovrà più attendere al telefono per riuscire a dialogare con l’operatore; in secondo luogo può utilizzare il sistema quando vuole, a qualsiasi ora del giorno; infine, se l’utente invia la propria ricetta insieme alla richiesta di contatto, la risposta che riceve è già perfezionata con la prenotazione fissata, con giorno, data e sede. Il sistema offre un servizio efficace all’utente, ma nel contempo agevola anche il lavoro degli operatori, distribuendo il loro lavoro nell’arco della giornata lavorativa e allentando la pressione delle richieste telefoniche. Va a merito dei competenti uffici dell’Ulss 3 aver individuato e attivato un sistema garantito: «Occorreva trovare un metodo veloce quanto una email – sottolinea il dottor Baccan – ma non era possibile utilizzare un normale messaggio di posta elettronica, che non può per legge veicolare dati sensibili quali quelli sanitari. Opportuna, quindi, ed efficace, la scelta di utilizzare un modulo web in modalità sicura (https) compilato dall’utente dai dispositivi informatici comunemente in uso, da casa sua o da dove vuole e quando vuole».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

Torna su
VeneziaToday è in caricamento