Sosta in aeroporto, nuovo parcheggio: «Giù le mani dagli alberi»

Pd: «Nella delibera di giunta non viene detto che fine faranno gli arbusti dell'ex vivaio Benetazzo. Ztc da 7 a 8 minuti non risolve. Serve una soluzione per gli Ncc»

Aeroporto di Venezia, area verde Benetazzo: archivio

Verso nuove regole per la sosta all'aeroporto Marco Polo di Venezia dopo l'introduzione della Ztc. Un'intesa fra Comune, Enac e Save porterebbe innanzitutto da 7 a 8 minuti consecutivi la permanenza oltre la quale ciascun automobilista deve raggiungere un'area di parcheggio, oppure lasciare il sedime per non incorrere in sanzioni. In secondo luogo, alla realizzazione di un’area di sosta con 59 stalli, con tempo massimo di 60 minuti, per chi attende o accompagna viaggiatori. Una soluzione che desta la «preoccupazione» del Pd.

Gli alberi

«Non solo la delibera non risolve il problema della sosta - scrivono Monica Sambo, capogruppo Pd in Consiglio comunale, e Alessandro Baglioni, capogruppo Pd della Municipalità di Favaro - modificando l’attuale permesso di sosta da 7 a 8 minuti (non saranno certo 60 secondi la soluzione dei problemi), ma getta un’ulteriore ombra sul futuro dell'ex vivaio Benetazzo e dei suoi alberi, introducendo un non meglio precisato “nuovo parcheggio” realizzato e gestito entro il 2020. Per la salvaguardia di quegli arbusti sono stati presentati vari atti che ancora non hanno avuto risposta».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli Ncc e le multe

«Dalle notizie apprese sembra che il problema principale, quello degli Ncc, il servizio di noleggio con conducente, non venga risolto - affermano Sambo e Baglioni - (bisognerà capire meglio i dettagli dell'accordo). Se così fosse continueranno a invadere Tessera e la situazione cambierà ben poco». Il Partito Democratico esprime forte perplessità anche per la volontà del Comune di farsi carico dell'aspetto sanzionatorio, «dato che finora l'atteggiamento è stato quello opposto. Non sarà la volontà di fare cassa con le sanzioni il pilastro su cui si regge l'accordo?», concludono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento