Il mare veneto scoppia di salute: "Dalla campagna di monitoraggio risultati eccellenti"

Delle 91 stazioni di studio, 85 hanno restituito esiti molto soddisfacenti. Le rimanenti hanno comunque una qualità molto buona. Sono i risultati dei controlli di Arpav e guardia costiera

Un totale di 20mila miglia percorse e 10mila reperti analizzati in 7 anni, con un risultato positivo: 89 dei 95 tratti di costa balneabili veneti versano in condizioni "eccellenti", mentre i rimanenti 6 hanno restituito risultati comunque ben oltre la media. Sono questi i dati principali della campagna congiunta di tutela del mare, i cui esiti sono stati presentati lunedì a Venezia dai rappresentanti di Arpav, guardia costiera e Regione. All'incontro hanno partecipato l'ammiraglio Piero Pellizzari, l'assessore all'Ambiente, Gianpaolo Bottacin, e il direttore generale di Arpa Veneto, Nicola Dell'Acqua.

I numeri

L'area di interesse comprende 10 Comuni costieri, 167 chilometri di coste, 100 chilometri di coste destinate alla balneazione, 2 Zone Sic (Siti di Interesse Comunitario per la tutela degli habitat e delle specie: Tegnùe di Chioggia e Porto Falconera, per un’estensione totale di 3300 ettari). Sono stati raccolti oltre mille campioni all'anno nella fascia costiera, 600 nelle aree di balneazione, migliaia di rilevamenti con apparecchiature oceanografiche. A ciò si è aggiunto l'operato anche di 10 esperti Arpav.

Mare e monitoraggi

Sulle acque marino costiere l’attività prevede la valutazione dello stato ecologico e chimico del mare, con 76 stazioni di campionamento e rilevamento fino a circa 4 miglia nautiche dalla costa, 7 campagne annuali, rilevamento dei  parametri biologici in acqua e nel fondale e dei parametri chimici in acqua, sedimento ed organismi animali. Il monitoraggio per la “Strategia Marina” (direttiva europea 2008/56/CE) viene effettuato in 20 stazioni di campionamento e rilevamento fino a 12 miglia nautiche dalla costa, con campagne mensili realizzate da Arpav in collaborazione sia con la guardia costiera che con l'agenzia ambientale del Friuli-Venezia Giulia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Visione complessiva

Negli ultimi anni l’attenzione delle Agenzie per l’ambiente in ambito mare, soprattutto per la Strategia Marina, si è rivolta a monitoraggi innovativi e specifici per comprendere meglio la situazione del mare nel suo complesso. Ad esempio il monitoraggio delle microplastiche nelle acque di superficie, fino a 12 miglia, con utilizzo di un apparecchio trainato dalla motovedetta chiamato “Manta” e successive analisi in laboratorio (forma, colore, tipologia delle plastiche); il monitoraggio dei rifiuti spiaggiati, in 4 siti di controllo sul litorale, con frequenza semestrale; l’attività sperimentale per il monitoraggio del mare tramite satelliti del programma europeo Copernicus, con parametri quali temperatura, solidi sospesi e clorofilla.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento