Frecciarossa Venezia-Roma soppresso, «Ora negano di averlo tolto»

È il treno del mattino alle 6 da Santa Lucia che arrivava a Termini alle 9.30, la cui cancellazione suscitò proteste. Pellicani: «Dal governo rispondono che è stata rimodulata l'offerta»

Foto: Freccia Rossa, archivio

Un treno ad alta velocità con partenza da Venezia alle 6 e arrivo a Roma Termini alle 9.30. Un Frecciarossa assente da dicembre scorso, la cui cancellazione ha suscitato malumori e su cui il parlamentare veneziano del Partito Democratico, Nicola Pellicani, ha posto un'interrogazione al governo.

Il sottosegrretario alle Infrastrutture

«Come si ricorderà - scrive Pellicani - la decisione aveva provocato la protesta da parte degli utenti del Veneto, in modo trasversale dei partiti, e dello stesso governatore Luca Zaia. Mercoledì il sottosegretario alle Infrastrutture Edoardo Rixi ha risposto alla mia interrogazione in Commissione Trasporti, negando addirittura la cancellazione del treno. Siamo alle comiche. Alla negazione della realtà. Come è noto Trenitalia ha eliminato anche il treno con partenza alle 17.30 da Roma per Venezia, declassandolo a Frecciargento e introducendo le fermate di Firenze e Bologna. Il governo ha parlato di “rimodulazione dell'offerta”. Motivando la decisione “in quanto la versione no stop non aveva in carico i passeggeri sufficienti per sostenere i costi”. Come è noto il treno era sempre pieno di “pendolari con Roma”. Un pubblico folto costituito perlopiù da imprenditori, pubblici funzionari, rappresentanti di categorie economiche, professionisti».

Accesso agli atti

«Sarà ora interessante verificare, con un accesso agli atti, il carico di passeggeri degli altri treni Frecciarossa delle varie tratte e nelle varie fasce orarie. Ancora una volta si colpisce il Veneto con una decisione che comporta la marginalizzazione della nostra Regione sul fronte trasportistico.
Il sottosegretario Rixi ha negato anche la necessità di progettare e realizzare l'alta velocità anche nel tratto Padova-Bologna, che provoca un notevole rallentamento nel collegamento tra Venezia e Roma, quando invece tutte le altre principali città capoluogo di Regione del Paese possono contare su un servizio diretto ad alta velocità garantito da Trenitalia a partire da Milano, Bologna, Firenze, Napoli, Torino. Il governo ancora una volta declassa il Veneto e poi parla di autonomia».
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Coronavirus: l'ordinanza per i Comuni colpiti del Veneto

  • Coronavirus: quali sono i sintomi e come comportarsi in caso di contagio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento