Uomo Vitruviano da Venezia a Parigi? «Il "no" è una scelta di buon senso»

L'assessore alla Cultura del Veneto Corazzari si schiera con il sottosegretario ai Beni culturali. «Tre mesi di prestito prevedrebbero 10 anni di "riposo"»

«Ritengo che il sottosegretario ai Beni culturali faccia bene a dire no al prestito di un’opera d’arte se questo significa impedirne per lungo periodo l’esposizione nella sede in cui è custodita». L’assessore alla cultura della Regione del Veneto Cristiano Corazzari si schiera con Lucia Borgonzoni, che nelle settimane scorse si è detta contraria al prestito al Louvre di Parigi dell’Uomo Vitruviano, il capolavoro di Leonardo da Vinci conservato alle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sì agli scambi, ma salvaguardando l'incolumità»

«È giusto favorire gli scambi di opere tra le grandi istituzioni culturali internazionali - conclude l’assessore –, purché sia assolutamente salvaguardata l’incolumità dei capolavori che vengono concessi e che tale concessione non causi un danno a chi li detiene stabilmente. Questo, purtroppo, si verificherebbe se l’Uomo Vitruviano venisse prestato al museo francese». Il fragilissimo disegno, infatti, dopo essere stato esposto per tre mesi a Parigi necessiterebbe, secondo una valutazione degli esperti, di un ‘riposo’ di almeno dieci anni. «Una condizione inaccettabile e troppo penalizzante per Venezia, - conclude Corazzari - per le Gallerie dell’Accademia e per il pubblico italiano a cui l’opera verrebbe di fatto sottratta per un decennio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento