Venezia, copertura vaccinale quasi totale: solo 20 ancora "in bilico", nessuno fuori da scuola

Secondo l'assessore Romor si supera il 98%, oltre la media regionale. "La maggior parte dei restanti ha fissato l'appuntamento con l'Ulss". Dati riferiti alle scuole statali

Su oltre mille bambini solo 20 si trovano ora in una situazione di stand-by. Continua a tenere banco la questione studenti no vax, dopo che con l'inizio di maggio i divieti di frequenza per gli scolari non in regola con le vaccinazioni sono diventati effettivi. Nel territorio comunale di Venezia, però, nessun bambino allo stato è rimasto fuori da asilo o elementari comunali.

Percentuale alta

“A fronte di una copertura nazionale pari al 94,5% e una regionale del 95,5%, Venezia si dimostra una tra le città dove è più alto il livello di vaccinazioni - commenta l'assessore alle Politiche educative, Paolo Romor - con una percentuale che supera il 98% dei casi. Dati alla mano, emerge che, ad oggi, su oltre 1000 bambini iscritti ai nidi e alle scuole dell’infanzia comunali solamente 20 debbano ancora fornire la documentazione prevista dalla legge per poter frequentare le strutture".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quasi tutti in via di regolarizzazione

Nel dettaglio, quattro avrebbero presentato giustificazioni inoltrate all'Ulss 3 "Serenissima", competente per le verifiche: in uno di questi si certificava il rischio per il bambino di sottoporsi alla vaccinazione obbligatoria e negli altri si informava l’amministrazione di aver già preso appuntamento per la vaccinazione. Per quanto riguarda gli altri 16 episodi, per un disguido, le raccomandate sarebbero arrivate a destinazione solo in questi giorni: "Si tratta di un problema indipendente dall'amministrazione - sottolinea Romor - nelle lettere, spedite lo scorso marzo, si informavano le famiglie sugli adempimenti di legge da eseguire per poter far accedere il proprio figlio ai nidi e alle scuole dell’infanzia comunali". "Alla luce di questi dati – conclude – emerge come, tralasciando i motivi tecnici che non hanno permesso di ottenere dati certi su tutto il campione di riferimento, la quasi totalità degli obbligati sia in regola, nelle scuole comunali, con quanto stabilito dalla legge. Venezia è oltre la media regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Pestaggio nella notte a Jesolo, uomo in ospedale lotta tra la vita e la morte

Torna su
VeneziaToday è in caricamento