Veritas: nuovo servizio gratuito di avvisi personalizzati in caso di consumi idrici alti

La società di gestione dell'igiene urbana e delle risorse idriche del territorio lancia un nuovo servizio online di allerta per tenere sotto controllo i propri consumi di acqua

Veritas: nuovo servizio di avvisi personalizzati in caso di consumi idrici elevati

Da oggi è possibile ricevere messaggi di allerta da parte della Veritas in caso di consumi idrici eccessivi. Si tratta di un nuovo servizio gratuito di cui tutti possono usufruire registrandosi allo sportello online del gruppo Veritas e lasciando i propri recapiti. Chiunque fosse già iscritto riceverà gli alert automaticamente senza ulteriori registrazioni. 

Se il sistema dovesse rilevare un cosumo idrico alto e, soprattutto, superiore alla media abituale, l'utente verrà contattato tramite mail, sms, o direttamente al telefono, a seconda della modalità di avviso scelta dallo stesso. Il servizio fa sì che i cittadini possano attivarsi in tempo e capire le cause dell'aumento dei propri consumi. Per far funzionare il servizio, però, non basta solo iscriversi allo sportello online ma c'è bisogno che i clienti comunichino periodicamente l'autolettura dei propri consumi idrici nei tempi e nei modi indicati nelle bollette. Questa nuova modalità di avviso proposta dalla Veritas integra e non sostituisce il già esistente foglietto di avviso inserito direttamente nella cassetta della posta nel caso in cui la lettura dell'acqua risultasse più alta del solito.

Iscriversi al servizio online ha inoltre il vantaggio di poter effettuare numerose altre operazioni senza doversi presentare di persona agli uffici della Veritas.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento