Obesity Day: mercoledì tutti a Dolo per visite ed esami gratuiti

Tutti possono aderire all’iniziativa senza limite di numero: basta presentarsi dalle 8.30 alle 13.30 nell’area allestita al primo piano dell’ospedale

L’Ulss 3 aderisce anche quest’anno all’Obesity Day: mercoledì 10 ottobre tutti a Dolo per visite ed esami gratuiti. La giornata nazionale dedicata alla prevenzione dell’obesità è arrivata alla sua diciottesima edizione. Il motto della giornata quest’anno è “Alimentazione e benessere. Dieta Mediterranea Regionale”, L’obiettivo è di sensibilizzare la popolazione nei confronti dei rischi dell’obesità e del sovrappeso.

L'appuntamento

L’appuntamento è previsto nell’Ospedale di Dolo, mercoledì: tutti possono aderire all’iniziativa gratuita, senza limite di numero. Basta presentarsi dalle 8.30 alle 13.30 all’area allestita al primo piano dell’Ospedale (parte nuova della struttura ospedaliera, dove si trova anche il Cup, Centro Unico di Prenotazione). Qui, medici e infermieri del servizio di Nefrologia, in collaborazione con la Dirigenza Medica, insieme ai volontari dell’Avo (Associazione Volontari Ospedalieri), accoglieranno i cittadini ai quali verrà distribuito del materiale informativo sui corretti stili di vita. Inoltre, chi lo vorrà, potrà essere visitato e sottoposto ad alcuni esami del sangue e delle urine per valutare il proprio stato di salute.

Aumento di peso

“Verranno rilevate gratuitamente, senza bisogno di impegnativa medica – ha spiegato la Responsabile del reparto Gina Meneghel - il colesterolo, la glicemia, la pressione arteriosa, il peso e l’indice di massa corporea”. L’Istat ha confermato che la popolazione italiana sta aumentando di peso, in questi ultimi vent’anni l’ago della bilancia è salito vertiginosamente e il 46% della popolazione di età superiore o uguale ai 18 anni ha problemi di eccesso ponderale, quindi sono venti milioni gli italiani che hanno problemi di peso. L’obesità non risparmia nemmeno le fasce dell’infanzia, secondo i dati siamo al primo posto in Europa, vera e propria “maglia nera”, infatti il 36% dei bambini ha problemi di eccesso di peso e di questi ben il 12% è decisamente obeso. È presente peraltro una marcata differenza tra il Nord e il Sud, dove la patologia è prevalente, ad esempio il Molise ha un totale del 52% con ben il 14.1 di obesità, a fronte del Trentino Alto Adige con un 34.9% con il 7.8% di obesi. La fascia di età in cui si registra il maggior numero di soggetti in eccesso di peso è, sia per gli uomini che per le donne, quella tra i 65 – 74 anni (uomini 52.6% e 16%, donne 40.3% e 14.8% in sovrappeso e obesi rispettivamente). Nel 2025 l’obesità costerà in tutto il mondo circa 760 miliardi di dollari".

Informazione e salute

“A Dolo è un appuntamento, consolidato, ormai di tradizione – ha commentato il direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – che vede ogni anno una importante partecipazione: solo lo scorso anno, infatti, sanitari e volontari hanno accolto 160 persone (di queste il 60%, ovvero sopra la media nazionale del 46%, è risultato in sovrappeso e obeso e, nella maggior parte dei casi, nemmeno lo sapeva) e non tutte prettamente del nostro territorio. Un evento di promozione alla salute che si divide tra giusta informazione e test di base per valutare lo stato di salute. Tutti vengono accolti, sia adulti che bambini”.

Potrebbe interessarti

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • Bidoni della spazzatura: come fare per averli sempre puliti

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

  • Confermati i domiciliari per Marinica, accusato di aver provocato l'incidente di Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento