ViviVenezia

ViviVenezia

Le maschere più belle del Carnevale, Stenterello: origine nome e alcune curiosità

Stenterello è maschera fiorentina per eccellenza, la versione toscana dello Zanni.

Scopri tutte le maschere più famose

Storia 

E' creazione dell'attore Del Buono che lo ha inserito nelle sue commedie a partire dalla finde del Settecento, e più precisametne tra il 1798 e il 1800. A dargli il nome fu però il pubblico fiorentino che lo bollò come Stenterello, utilizzando un modo di dire comune, perchè "cresciuto a stento". 

Caratteristiche

Stenterello incarna perfettamente la figura del tipico toscano: chiacchierone ma allo stesso tempo anche pauroso, è abile e astuto anche se sfortunato. Gracile e magrolino, è basso di statura e di solito dall'aspetto trascurato e malandato. Saggio, è famoso per la sua ironia.

Costume

Vestito "allegro" come il suo carattere induce a pensare, Stenterello porta un panciotto, una giacca con i risvolti a scacchi, una calza di un colore e una calza di un altro, una parrucca con ccodino e un cappello a barchetta.

Curiosità

Si parla di lui in Borgo Ognissanti a Firenze dove, al civico 4, una targa ricorda la nascita del personaggio ad opera di Luigi del Buono, commediografo che ideò la figura e che è stato sepolto poco distante, nel corridoio, aperto gratuitamente al pubblico, che porta al chiostro monumentale del Ghirlandaio, adiacente alla Chiesa stessa. Del Buono, che nacque come orologiaio a Firenze, abbandonò tutto all'età di 25 anni per dedicarsi alla carriera artistica, con ottimo successo.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento