I metodi alternativi per combattere il caldo per chi non ha il condizionatore

Le migliori soluzioni anti afa per chi non ha un sistema di aria condizionata in casa

I metodi alternativi per combattere il caldo per chi non ha il condizionatore

Anche voi non ne potete più del caldo? Negli ultimi giorni le temperature sono schizzate alle stelle e sopportare l'afa, soprattutto per chi in casa non ha un condizionatore, è veramente difficile. Come fare allora per ridurre al minimo la sensazione di calore e rinfrescarsi con metodi alternativi all'aria condizionata? Ecco qualche suggerimento per tutti quelli che, pur non avendo un condizionatore, vogliono tornare a dormire sonni tranquilli e al fresco.

Come combattere il caldo a tavola

Condizionatore fai da te

Non hai un condizionatore in casa? Nessun problema puoi sempre costruirne uno. Per creare un sistema di diffusione di aria fresca in casa basta infatti un ventilatore e una vaschetta con del ghiaccio da posizionare davanti a questo. Una volta acceso il ventilatore, il ghiaccio raffredderà l'aria che verrà emanata direttamente nella direzione che si desidera e le sofferenze causate dall’afa eccessiva si ridurranno al minimo.

Raffrescatore evaporativo: un’alternativa sostenibile

Un ulteriore modo per rinfrescare l’aria all’interno della propria casa è quello di acquistare un raffrescatore evaporativo. Si tratta di un dispositivo in grado di abbassare la temperatura dell'ambiente in cui si trova sfruttando l'evaporazione del ghiaccio al suo interno e nebulizzandolo all'esterno. I vantaggi rispetto a un condizionatore tradizionale sono diversi, primo tra tutti il prezzo. I raffrescatori costano, infatti, non più di 100 euro e sono sistemi a produzione di aria fresca naturale e sana e, soprattutto, non inquinano. Questi cosiddetti raffrescatori, infatti, utilizzano acqua o ghiaccio, risorse a disposizione di chiunque e facili da reperire. Basta riempire la tanica del raffrescatore, che può contenere fino a diversi litri di liqudo, con acqua fredda o ghiaccio e il macchinario diffonderà aria fresca nell’ambiente. Una ricarica può durare fino a una giornata intera. L’unico accorgimento da tenere presente è una pulizia ordinaria del filtro che può essere effettuata autonomamente. Sono senza dubbio meno potenti di un condizionatore ma ideali per rinfrescare ambienti di piccole dimensioni, proprio per questo, sono facilmente trasportabili.

Immergere i polsi in acqua fredda

Immergere le mani e i polsi in una bacinella di acqua fredda può aiutare a ridurre in modo molto rapido la sensazione di calore sul proprio corpo. Questo accade perchè i vasi sanguigni in queste specifiche zone sono molto superficiali e raffreddandole, a tutto il resto del corpo verrà comunicata la stessa sensazione. 

Finestre aperte solo di notte e piante sul davanzale

Per ridurre al minimo il calore all'interno della propria casa è bene tenere le finestre chiuse con serrande abbassate durante il giorno e le ore più calde poiché così si evita di far entrare ancora più calore all'interno. La notte, invece, via libera a finestre aperte per far circolare aria fresca e ancora meglio se sul davanzale di queste ci sono delle piante da balcone, queste, infatti, assorbiranno il calore prodotto dal sole e aiuteranno a rinfrescare l'aria all'interno della vostra casa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I metodi alternativi per combattere il caldo per chi non ha il condizionatore

  • Bidoni della spazzatura: come fare per averli sempre puliti

  • Barbecue fai da te: come costruire una struttura grill in muratura

  • Come risparmiare sulla bolletta della luce in estate

Torna su
VeneziaToday è in caricamento