I migliori metodi per pulire i vetri di casa

Le soluzioni e le tecniche più adatte per non lasciare antiestetici aloni sulle proprie finestre

I migliori metodi per pulire i vetri di casa

Una delle attività più odiate è quella della pulizia dei vetri che spesso viene trascurata ma che se fatta per bene può davvero fare la differenza, soprattutto in questo periodo in cui ci si dedica alle pulizie d'autunno. Può sembrare difficile ma pulire i vetri nel migliore dei modi e senza lasciare aloni si può, basta seguire qualche accortezza, utilizzare i prodotti giusti e conoscere le tecniche più adatte. Ecco allora qualche consiglio utile su come svolgere quest'attività al meglio. 

Errori da non commettere

Pulire i vetri non è semplice e a volte si possono compiere piccoli o grandi errori che possono mettere a rischio il risultato. Quindi prima di iniziare è bene sapere cosa non fare:

  • meglio non pulire i vetri in giornate troppo calde o con il sole diretto. Il caldo asciuga subito il detersivo e l’acqua quindi non abbiamo il tempo di rimuovere l’eccesso e gli aloni. Il sole diretto, invece, non ci permette di vedere eventuali macchie residue.
  • non utilizzare l’acqua fredda, a differenza di quella calda non riesce a sciogliere il grasso
  • mai usare i detersivi puri, potrebbero fare troppa schiuma, quindi meglio diluirli.
  • per asciugare i vetri non usare carta da cucina, ma vecchie maglie perché i primi potrebbero rilasciare dei residui.

Pulizia degli infissi

Prima di pulire i vetri in sé è bene dedicarsi agli infissi. Come prima cosa bisogna rimuovere la polvere, si può usare un panno o l'aspirapolvere e poi si procederà con la pulizia vera e propria a seconda del materiale di questi. Se si tratta di PVC basterà usare detersivo e acqua, gli infissi in legno, invece, è meglio pulirli con un panno inumidito con sapone di Marsiglia. Se sono in alluminio, si può usare uno sgrassatore e sciacquarlo con un panno in microfibra. 

Pulizia dei vetri

Puliti gli infissi si può passare ai vetri. Prima di iniziare, meglio spolverarli. Il panno deve essere asciutto per evitare che con l’acqua si formi uno strato difficile da rimuovere. Fatto questo, si potranno lavare i vetri con un panno umido in microfibra. L’acqua da sola non basta, quindi dovete creare delle soluzioni naturali. La prima alternativa è quella di usare 100 ml di aceto in mezzo litro di acqua calda. L’aceto è uno sgrassatore naturale quindi basta spruzzarlo sui vetri e in un attimo rimuove tuti i residui. Un’altra soluzione è quella di utilizzare il sapone liquido all’interno dell’acqua calda. La soluzione deve essere rimossa bene altrimenti potrebbero rimanere residui. nche il detersivo per piatti è perfetto per pulire, e renderli brillanti, basta scioglierlo in mezzo litro d’acqua e il gioco è fatto. Tra i metodi più efficaci c’è la patata cruda, il tubero sgrassa e rende brillanti i vetri. Una volta tagliata a metà e passata sulla superficie, non vi resta che sciacquare con acqua calda.

Asciugatura

Oltre a lavarli, anche asciugare i vetri non è semplice. Il metodo più efficace è quello di usare carta di giornale accartocciata che è in grado di rimuovere gli aloni grazie all'inchiostro contenuto all'interno. Se non si hanno a disposizione pagine di giornale, si possono usare i panni in microfibra passandoli con delicatezza sulla superficie. Per avere un risultato impeccabile si può usare un aspiragocce per rimuovere tutti i residui. 

Prodotti online per la pulizia dei vetri

Aspiragocce elettrico

Detergente concentrato per vetri

Aspiragocce manuale

Pulitore a vapore portatile

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici in casa? Ecco come allontanarle subito

  • I dieci consigli per tenere alla larga i ladri

  • I migliori metodi per pulire i vetri di casa

Torna su
VeneziaToday è in caricamento